menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendenti Comunali contro Amministrazione per mancata corresponsione ticket mensa

Caserta - La vicenda ticket mensa al Comune di Caserta ha ormai assunto una dimensione d'insostenibilità. La mancata corresponsione dei buoni ai dipendenti comunali è divenuta quasi una prassi comune, questa volta mancano le erogazioni di novembre...

La vicenda ticket mensa al Comune di Caserta ha ormai assunto una dimensione d'insostenibilità. La mancata corresponsione dei buoni ai dipendenti comunali è divenuta quasi una prassi comune, questa volta mancano le erogazioni di novembre e dicembre.
La Cisl Funzione Pubblica negli ultimi due anni è più volte intervenuta per mediare con l'Amministrazione comunale e consentire ai dipendenti di ottenere i ticket, ma gli interventi palliativo non sono più plausibili, la questione deve giungere ad una soluzione definitiva.
Ricordiamo che la società preposta all'erogazione dei ticket, vanta dal Comune di Caserta circa 250 mila euro, eppure l'Amministrazione ha stanziato in bilancio una somma necessaria a garantire l'intera annualità per il pagamento del servizio. È giusto considerare che anche l'azienda erogatrice vive una difficoltà oggettiva con i propri lavoratori, i quali a loro volta soffrono di una ovvia irregolarità dei pagamenti, in conseguenza appunto della mancata ottemperanza del debito da parte di Palazzo Castropignano.

Ciò premesso, la perplessità nasce spontanea: ma se la cifra iscritta in bilancio deve servire a coprire l'intera spesa come mai il Comune ha accumulato un debito così elevato tale da danneggiare non solo i propri dipendenti ma anche la società di cui sopra ed i lavoratori della stessa?
Intanto la Cisl Fp si fa comunque promotrice presso l'Amministrazione per la distribuzione dei ticket mensa mancanti, ma soprattutto ritiene maturi i tempi per un incontro a stretto giro di posta con il Comune a che si chiarisca definitivamente una situazione che non può più sostenere ritardi, mancanze, promesse disattese. L'Assessore al Personale e il Direttore Generale, dunque, ognuno per le proprie competenze, vengono ancora una volta chiamati in causa. Si spera in una soluzione definitiva, considerando che già in altre occasioni entrambi hanno assicurato un intervento risolutorio ultimo che non si è mai verificato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento