rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Economia

Cicala incontra lambasciatore Usa Spogli

Caserta - Uno dei cicli più significativi dello sviluppo industriale della provincia di Caserta è strettamente legato alla presenza di importanti aziende multinazionali targate Usa. Esperienza che, con riferimento, in particolare, a produzioni con...

Uno dei cicli più significativi dello sviluppo industriale della provincia di Caserta è strettamente legato alla presenza di importanti aziende multinazionali targate Usa. Esperienza che, con riferimento, in particolare, a produzioni con forti contenuti di ricerca e innovazione, Confindustria Caserta auspica di poter replicare, disponendo la provincia di adeguate aree industriali, maestranze e professionalità già formate oltre che il necessario know how.
Lo ha ricordato il presidente Carlo Cicala incontrando l’ambasciatore statunitense in Italia, Ronald P. Spogli, nel corso di un incontro conviviale molto ristretto, organizzato dal console Suneta Hallyburton presso la sede consolare di Napoli, al quale hanno partecipato anche il ministro Luigi Nicolais, il presidente della Regione Antonio Bassolino, il prefetto di Napoli Alessandro Pansa e il presidente del Gruppo Mezzogiorno della Federazione nazionale dei Cavalieri del Lavoro, Laura Cafiero.
All’ambasciatore Spogli il presidente di Confindustria Caserta ha ricordato i casi della 3M Italia, della Texas Instruments Italia e della Union Garbide (poi Elettrografite meridionale), ma anche la grande laboriosità di una provincia che lo scorso anno si è piazzata al primo posto tra le regioni del Sud e al settimo posto nella classifica nazionale per crescita di Pil. Cicala ha fatto una fotografia del sistema industriale casertano che ha molto interessato l’ambasciatore Spogli, il quale ha anzi invitato il presidente degli industriali all’ambasciata, a Roma, per un approfondimento dell’argomento.
Attenzione nei confronti della provincia di Caserta che è stata corroborata anche dai due autorevoli rappresentanti politici presenti. Il ministro Luigi Nicolais, infatti, ha ricordato il caso della Ericcson, che a Marcianise già investito già 8 milioni di euro per l’ampliamento del reparto della fotonica e ha in programma investimenti per ulteriori 8 milioni (entro la fine del 2007) per lo sviluppo della logistica aziendale. Così come il presidente della Regione Bassolino ha ricordato gli interventi già effettuati per migliorare le reti di trasporto e quelli che sono in programma, a cominciare dall’aeroporto di Grazzanise.
“L’ambasciatore Spogli mi ha pregato vivamente di prendere contatti, nei prossimi giorni, con gli uffici della legazione Statunitense a Roma, per fissare un incontro nel quale parlare approfonditamente della questione”, ha riferito visibilmente soddisfatto il presidente di Confindustria Caserta.
Nel corso dell’incontro, peraltro, il presidente degli industriali Carlo Cicala ha anche ribadito al ministro Nicolais la necessità di un’azione concertata per rilanciare il polo delle Telecomunicazioni a Caserta. “Sarebbe una cosa gravissima – ha detto il presidente degli industriali – se gli investimenti che pure si preannunciano nelle Tlc, a cominciare dai 9 miliardi programmati dalla Telecom per la banda larga, escludessero la provincia di Caserta, segnando definitivamente il declino di un settore che ha ancora molto da esprimere in termini di sviluppo, reddito e occupazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cicala incontra lambasciatore Usa Spogli

CasertaNews è in caricamento