menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
065324_Indesit-protesta

065324_Indesit-protesta

Indesit, rottura tra azienda e sindacati: 680 lavoratori in mobilita'

Teverola - Nella giornata di ieri i vertici di Indesit Company hanno incontrato Istituzioni e Organizzazioni Sindacali presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico per verificare, in merito alle esigenze di recupero di competitività...

Nella giornata di ieri i vertici di Indesit Company hanno incontrato Istituzioni e Organizzazioni Sindacali presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico per verificare, in merito alle esigenze di recupero di competitività aziendali e alle soluzioni proposte, l'esistenza delle condizioni per un'intesa sul piano di riorganizzazione.L'Azienda, in aggiunta alle migliorie già apportate al piano nelle precedenti riunioni, ha ritenuto di andare ulteriormente incontro alle richieste dei territori prevedendo per l'Italia investimenti straordinari per 83 milioni di euro, maggiori produzioni e a più alto valore aggiunto nei 3 siti italiani e un riassorbimento graduale di lavoratori coinvolti grazie ai benefici attesi dagli investimenti e al prevedibile recupero dei mercati.L'Azienda tuttavia, dopo una notte di confronto, questa mattina ha dovuto constatare l'impossibilità incomprensibile di raggiungere un accordo con le Organizzazioni Sindacali.Data l'importanza del piano per la competitività dell'Azienda nel medio-lungo periodo, dopo oltre 5 mesi di ricerca di un dialogo costruttivo e di fronte ad un nuovo no da parte sindacale, Indesit è pertanto costretta a portare avanti unilateralmente il piano. Il mancato accordo impedisce però l'accesso agli ammortizzatori sociali e penalizza i lavoratori comportando l'apertura della procedura di mobilità.Il piano discusso prevedeva che il sito di Fabriano (AN) diventasse il centro esclusivo per la produzione ad alto contenuto d'innovazione di forni da incasso (producendo anche quelli oggi realizzati in Polonia), di forni di piccole dimensioni (oggi realizzati in Spagna) e di prodotti speciali; il sito di Comunanza (AP) sarebbe diventato il centro per l'innovazione e la produzione di lavabiancheria di alta gamma a carica frontale; il sito di Caserta infine sarebbe diventato il centro esclusivo per la produzione di frigoriferi da incasso ad alto contenuto d'innovazione (producendo anche quelli oggi realizzati in Turchia) e dei piani cottura a gas da incasso (compresi quelli originariamente destinati alla produzione in Polonia).Oltre al consolidamento in Italia delle produzioni a più alto valore aggiunto già esistenti, sarebbero così state trasferite nei siti italiani nuove produzioni dalla Polonia, dalla Spagna e dalla Turchia, mentre le produzioni italiane di bassa gamma non più sostenibili (principalmente destinate ai Paesi dell'Est) sarebbero state riallocate in Paesi a miglior costo.Il piano prevedeva inoltre l'utilizzo degli ammortizzatori sociali (cassa integrazione e contratti di solidarietà) per poter riorganizzare le attività produttive (con tempistiche diverse nei vari siti) tutelando al meglio le persone coinvolte e senza perdere le competenze professionali in vista dei benefici attesi dagli investimenti e del prevedibile recupero dei mercati. L'Azienda si era infine impegnata a non avviare procedure unilaterali di mobilità.Rammarico per un'intesa a portata di mano ma che alla fine e' sfumata e- insieme- determinazione a riprendere, già nei prossimi giorni, a tessere la tela dell'accordo. È questa la reazione del Mise dopo dodici ore di trattativa sulla vertenza INDESIT, naufragata stamani.
" Nonostante i molti passi avanti fatti negli ultimi mesi e nelle ultime ore- afferma il Sottosegretario Claudio De Vincenti- l'intesa e' venuta a mancare. Eppure c'erano impegni dell'azienda a rafforzare il radicamento italiano della produzione e a chiarire la missione produttiva di ognuno degli stabilimenti. Tutto cio' aveva consentito di azzerare gli esuberi, con la disponibilità di INDESIT a ricorrere solo ad ammortizzatori sociali conservativi e ad escludere licenziamenti per almeno cinque anni. Spiace molto che tutto ciò non sia stato apprezzato dai sindacati con un testo condiviso".

A questo punto, INDESIT ha comunicato, unilateralmente, di voler tornare alla posizione di partenza e di procedere percio' ad attivare la procedura di mobilità per oltre 1400 addetti. "Il Governo invece- sottolinea De Vincenti- sara' attivo, fin dai prossimi giorni, e determinato a creare le condizioni per riprendere il negoziato".
"A nostro giudizio- conclude il Sottosegretario - continuano ad esistere le basi per arrivare all'intesa. Ci auguriamo che le organizzazioni sindacali riconsiderino la situazione e tornino a sedersi di nuovo al tavolo della trattativa per riannodare i fili del ragionamento bruscamente interrotto stamattina".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento