Economia

La pioggia non ferma la manifestazione unitaria Cgil-Cisl-Uil

Caserta - È stata una manifestazione particolarmente partecipata, all'insegna dell'unità, quella che si è svolta questa mattina a Caserta, che ha visto scendere in piazza i sindacati CGIL –CISL –UIL, uniti e i rappresentanti di tutte le categorie...

073139_camilla-bernabei

È stata una manifestazione particolarmente partecipata, all'insegna dell'unità, quella che si è svolta questa mattina a Caserta, che ha visto scendere in piazza i sindacati CGIL -CISL -UIL, uniti e i rappresentanti di tutte le categorie e istituzioni, nonché i sindaci di varie realtà provinciali, in particolare da Caserta, Casagiove, Aversa, Piedimonte Matese. Non mancava proprio nessuno, quindi, ad una protesta che sulla scia di quella del 2 luglio scorso a Napoli, è destinata ad aprire una nuova era sindacale, quella degli obiettivi condivisi, attraverso una grande giornata di mobilitazione, per rivendicare azioni concrete e risposte serie per il lavoro e lo sviluppo di Caserta e della sua provincia. Un lungo corteo, partito alle ore 9,30 dal Piazzale antistante la Stazione ferroviaria, è giunto a Piazza Vanvitelli dove si è svolto il comizio conclusivo, durante il quale hanno preso la parola gli esponenti di punta dei tre sindacati provinciali e Serena Sorrentino, Segretaria Nazionale Cgil, che ha tratto le conclusioni. Sintetizzando ancora una volta l'unità di intenti, la Sorrentino ha evidenziato che è giunto il tempo della mobilitazione unanime e condivisa ad oltranza per contrastare la crisi, la politica dei tagli indiscriminati e le illegalità. La leader ha ribadito la necessità che la giornata del 27 ottobre rappresenti una tappa importante in un percorso di iniziative di contrasto alla crisi, percorso al centro del quale CGIL-CISL-UIL di Caserta pongono proposte serie che la politica e le istituzioni devono assumere al centro della propria agenda, in vista dell'ormai prossima campagna elettorale, affinché il problema politico non distolga l'attenzione dai problemi reali della gente e del territorio, che sono sempre più pressanti. Al cospetto di una crisi profonda - forte di un fisco vorace alla fonte e di una insostenibile tassazione indiretta sui carburanti e sui generi di prima necessità - che con la tendenza alla de-industrializzazione comporta l'aumento crescente del numero dei disoccupati, degli inoccupati, dei lavoratori in Cassa integrazione, che toglie ai giovani ogni speranza di futuro, che riduce allo stremo i cittadini, specie i lavoratori e i pensionati, occorre attivare tutti i mezzi per un'inversione di tendenza. In un siffatto sistema, anche i Comuni, messi a dura prova dai tagli che si traducono in risorse esigue, sempre più spesso, invece di tagliare gli sprechi e i costi impropri della politica, continuano a tagliare i servizi sociali essenziali, dai trasporti agli asili nido, dalle classi a tempo pieno all'housing, abolendo, ai danni dei cittadini, le politiche socio-sanitarie e di assistenza ai più svantaggiati. È necessario, quindi, attuare tutte le strategie possibili per un vero rilancio, attrezzare il territorio, renderlo competitivo e attrattivo di nuovi investimenti, programmare un nuovo sviluppo fondato su settori capaci di auto-alimentarsi, come la piccola azienda, il turismo, la filiera agricola e agro-alimentare.
La sfida lanciata da CGIL-CISL-UIL è quindi quella di partire dal territorio, dalle sue possibilità, dalle sue vocazioni per renderlo fortemente strutturato e integrato. Per fare ciò si deve rilanciare la questione delle infrastrutture: i lavori per il Policlinico devono partire senza ulteriori indugi e i soggetti sottoscrittori dell'Accordi di programma, a partire dal Comune di Caserta e dalla Provincia debbono mettere in campo tutto il loro peso in questa direzione; va ripresa la questione Interporto collegandola al progetto Grande Porto di Napoli, di cui l'area interportuale Marcianise-Maddaloni è il retroterra naturale; va rilanciata sul serio la questione Aeroporto di Grazzanise ormai ridotta solo ad argomento da campagna elettorale e che già da oggi può essere utilizzato per l'atterraggio dei cargo; Bisogna intervenire in direzione dei settori che hanno una vocazione territoriale e che possono dare uno sviluppo nuovo, eco-compatibile e auto-sostenibile come il turismo, l'agricoltura e la piccola impresa che va sostenuta innanzi tutto sul versante dell'accesso al credito.Occorre inoltre una riforma efficace della politica scolastica e formativa, nella direzione di creare le professionalità di cui il territorio necessita. Un appello unanime, dunque, è stato rivolto al governo affinché attui iniziative in grado di dare slancio a quei settori che fino a pochi anni fa rappresentavano punto di eccellenza dell'economia italiana e alle istituzioni locali, affinché favoriscano condizioni nuove in grado di traghettare il Casertano fuori dal tunnel della crisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pioggia non ferma la manifestazione unitaria Cgil-Cisl-Uil

CasertaNews è in caricamento