menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, Confindustria attiva il tavolo di lavoro operativo per la programmazione integrata del settore

Caserta - Promosso da Confindustria, si è svolto questa mattina, presso la sede dell'associazione datoriale, il tavolo di lavoro sul tema:rilancio della vocazione turistica della provincia di Caserta con particolare attenzione alla prossima...

Promosso da Confindustria, si è svolto questa mattina, presso la sede dell'associazione datoriale, il tavolo di lavoro sul tema:rilancio della vocazione turistica della provincia di Caserta con particolare attenzione alla prossima programmazione dei fondi Ue 2014-2020.All'incontro, presieduto dal presidente Luciano Morelli, hanno partecipato il direttore regionale in Campania dei Beni culturali, Gregorio Angelini, la Sovrintendente Paola Raffaella David, il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio con l'assessore Teresa Ucciero, il dirigente del settore Turismo della Provincia di Caserta, Michele Orlando con la funzionaria Elisabetta Milone, il presidente della Camera di commercio Tommaso De Simone con il vice Maurizio Pollini, i rappresentanti sindacali provinciali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl Camilla Bernabei, Giovanni Letizia, Antonio Farinari e Angelica Pizzuti, il direttore del dipartimento di Lettere e Beni culturali della Seconda Università, Simonetta Conti con Giovanni Giannotti, il direttore del dipartimento di Scienze Politiche "Jean Monnet", Antonio Sciaudone, il presidente della Sezione Turismo di Confindustria Caserta Donatella Cagnazzo e la consigliera Rosa Boccardi.
Nell'introdurre i lavori il leader degli industriali ha sottolineato la necessità di lavorare alla redazione di progetti integrati nel settore del Turismo e, più in generale, della Cultura quale formidabile ed inesplorato motore di sviluppo dell'economia locale, peraltro già duramente provata dalla perdurante crisi di questi anni.
In questo senso, dunque, e nella scia di un percorso già avviato (una precedente riunione si è svolta non più tardi di quindici giorni fa) Morelli ha proposto di "rendere operativi specifici tavoli di lavoro per cominciare a sviluppare progetti da agganciare alla programmazione dei fondi europei 2014-2020, coinvolgendo tutti gli attori del territorio, dalle istituzioni alle parti sociali, agli esperti".
Un metodo di lavoro nuovo, sinergico, che deve tuttavia necessariamente partire dalla constatazione - ha aggiunto Morelli - degli elementi di criticità registrati nella nostra regione dei precedenti cicli di programmazione dei fondi strutturali: numero eccessivo di interventi, insufficiente quando non approssimativo grado di progettazione, assenza di un piano strategico per lo sviluppo del territorio, inefficace coinvolgimento del partenariato socio-economico. "Errori, evidentemente, che non devono assolutamente essere ripetuti", ha concluso Morelli.
Finalità e metodo di lavoro su cui - ciascuno rappresentante, per la propria parte - si è detto disponibile a collaborare e pronto a mettere in campo le rispettive competenze. In particolare, il direttore regionale Angelini, nel ribadire che "l'integrazione è la strada maestra da percorrere", ha rinnovato gli impegni assunti nella precedente riunione a proposito della Reggia, la quale pertanto non può essere avulsa dal formidabile contesto archeologico-monumentale di cui la provincia di Caserta è ricca.
Angelini ha anche ribadito di essersi fatto promotore, in sede ministeriale, della proposta di una Sovrintendenza speciale per le Residenze Reali, dotata di autonomia, con al centro evidentemente il Palazzo vanvitelliano. "E' questa l'unica soluzione possibile - ha detto il direttore regionale dei Beni culturali - per far rimanere a Caserta i due milioni e passa di introiti che il monumento annualmente incassa". Mentre la sovrintendente Raffaella David ha preannunciato che la guida multimediale della Reggia e della Provincia per ora offerta come App di Apple presto sarà compatibile anche con il sistema Android.

E posta in questi termini, la questione Reggia ha trovato, in conclusione, d'accordo anche il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, che appunto in relazione al massimo attrattore turistico della città aveva svolto, in precedenza, un intervento molto determinato, "in attesa di risposte concrete reiterate, a nome della città, al ministero e alla sovrintendenza".Ma, come si è detto, è stata infine la parola "integrazione" - tra pubblico e privato, tra istituzioni ed enti strumentali, tra università e territorio, tra competenze e capitali - il filo conduttore degli interventi che sono seguiti, e che hanno posto, di volta in volta, il dito sulla piaga dei trasporti, delle infrastrutture, dell'ambiente. Temi, evidentemente, intimamente legati all'economia turistica e che si possono appunto affrontare e risolvere soltanto all'interno di una programmazione integrata.
Intanto, la Camera di commercio, con il vice Pollini, ha evidenziato il proprio impegno a favore delle imprese, citando l'ultima delibera adottata per l'incentivazione dei flussi turistici: un contributo a tour operator ed agenzie di viaggio per favorire la permanenza nelle strutture ricettive della provincia per 2 o 3 notti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento