menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istat: recessione verso frenata ma la disoccupazione continua a salire in Italia

(Roma) Lo scenario macroeconomico permane frammentato. Tra le economieavanzate, gli Stati Uniti mostrano vigorosi segnali di crescita mentrenell'area euro gli indicatori anticipatori evidenziano i primi segnali dimiglioramento. L'assestamento del...

(Roma) Lo scenario macroeconomico permane frammentato. Tra le economieavanzate, gli Stati Uniti mostrano vigorosi segnali di crescita mentrenell'area euro gli indicatori anticipatori evidenziano i primi segnali dimiglioramento. L'assestamento del prezzo del petrolio ai bassi livelliattuali è previsto influire moderatamente, in senso positivo, sullacrescita economica dei principali paesi europei. La fase di contrazionedell'economia italiana è attesa arrestarsi nei prossimi mesi, inpresenza di segnali positivi per la domanda interna. Le condizioni delmercato del lavoro rimangono tuttavia difficili con livelli di occupazionestagnanti e tasso di disoccupazione in crescita.

Il tasso di disoccupazione ha continuato a salire: in ottobre, i dati destagionalizzatihanno evidenziato una crescita di tre decimi di punto rispettoa settembre, raggiungendo il valore massimo di 13,2%, sensibilmentepiù elevato rispetto alla media europea (11,5%). La crescitadel tasso di disoccupazione è visibile anche nei dati non destagionalizzati:in T3 si è verificato un incremento di cinque decimi di punto rispettoallo stesso trimestre del 2013. L'andamento si deve alla crescita dellepersone in cerca di occupazione (+5,8% l'aumento tendenziale) e traqueste è aumentata soprattutto la quota di disoccupati in cerca di primaoccupazione (+17,6%). La crescita delle persone in cerca di lavoro siaccompagna comunque ad un allungamento dei periodi di disoccupazione:l'incidenza dei disoccupati di lunga durata (quota di persone checercano lavoro da più di un anno) è salita nell'anno in corso dal 56,9%al 62,3%. Questo gruppo di individui, generalmente considerati pocoappetibili dalle imprese, costituisce un fattore di freno alla discesa delladisoccupazione soprattutto nel Mezzogiorno (Figura 9).Alla crescita dei disoccupati si è aggiunta anche quella delle personedefinite più vicine al mercato del lavoro (+8,3% rispetto allo stesso trimestredell'anno precedente).
Tra gli inattivi, inoltre, sono cresciuti coloroche non hanno cercato attivamente lavoro perché ritengono di nonriuscire a trovarlo (lavoratori scoraggiati, +6,5%).Nel complesso la ricerca del posto di lavoro risulta caratterizzata da elementicontrastanti: da un lato nuovi attori si muovono alla ricerca di un postodi lavoro, dall'altra le persone già sul mercato sperimentano difficoltàcrescenti nel trovare una occupazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento