Economia

Sicurezza sul lavoro: al via una campagna informativa

Caserta - Sperimentare soluzioni pratiche di intervento per elevare i livelli qualitativi del sistema di prevenzione degli infortuni e la diffusione della cultura della salute e sicurezza nelle imprese. In concreto, apertura di un punto di ascolto...

064857_conf_stampa

Sperimentare soluzioni pratiche di intervento per elevare i livelli qualitativi del sistema di prevenzione degli infortuni e la diffusione della cultura della salute e sicurezza nelle imprese. In concreto, apertura di un punto di ascolto gestito dall'Inail presso la sede dell'associazione degli industriali di Caserta, un fitto programma di seminari e convegni ed una campagna di comunicazione per sottolineare che la sicurezza non è un costo per l'azienda, ma un'opportunità. Anzi, promuovere cultura e buone pratiche antinfortunistica è un vantaggio per tutti.
Posto, infatti, che mediamente un infortunio sul posto di lavoro costi mediamente 40 mila euro, è bene sapere che di questi soldi dieci mila vengono coperti dall'Inail, ma la restante parte ricade sulla collettività.Ma favorire le condizioni per la maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro conviene anche alle aziende. Le imprese virtuose, infatti, possono accedere ai bandi Isi, che prevedono contributi fino al 50% dell'importo spese per progetti di investimento e responsabilità sociale, attingendo ad un monte finanziamenti complessivo di 205 milioni a livello nazionale, di cui 18,5 milioni a livello regionale. Così come, le aziende che rafforzano i sistemi di prevenzione degli incidenti sul lavoro possono anche beneficiare del cosiddetto OT24 messo a disposizione dall'Inail, vale a dire, beneficiare di uno sconto sul tasso del premio applicato dall'Istituto all'azienda.
Questo, insomma, è il quadro complessivo emerso dalla conferenza stampa che si è svolta, stamane, nella Sala del Consiglio Confindustria Caserta, a margine del protocollo d'intesa sottoscritto, appunto, in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro, da Lucio Lombardi, direttore della maggiore associazione datoriale, e Alfonso Cangiano, direttore provinciale dell'INAIL.Un quadro che i dirigenti Daniela Mingione, responsabile prevenzione INAIL, e Lorenzo Chiello, Area Lavoro e Sindacale di Confindustria Caserta, hanno arricchito di ulteriori particolari inseriti, peraltro, nell'ambito del progetto in materia di Sicurezza che l'associazione degli industriali, con il contributo finanziario della Camera di commercio, ha lanciato proprio in questi giorni. E che prevede tra l'atro, azioni di informazione e sensibilizzazione, analisi dei fabbisogni delle imprese, assistenza e monitoraggio delle attività svolte.

Insomma, un programma di attività a 360 gradi al fine di migliorare al massimo le statistiche - già oggi, a dire il vero, abbastanza confortanti - riguardanti la sempre triste casistica degli infortuni sul lavoro (molti dei quali - è appena il caso di ricordare - costituiti dai cosiddetti "infortuni in itinere", cioè di lavoratori che si recano sui posti di lavoro).
Così come appare senz'altro positivo il dato secondo cui, quest'anno, pur registrando un incremento del 2,5% di aziende gestite dall'Inail - che perciò salgono a 26 mila 600 - gli infortuni sono diminuiti dell'11%. Non solo, lo scorso anno i casi aperti dall'Inail furono 2 mila 503, mentre quest'anno, ad oggi, sono 2 mila 250. Infine, lo scorso anno i morti sul lavoro furono 23, quest'anno 9, di cui soltanto 2 nell'edilizia, settore che pure è ritenuto molto sensibile da questo punto di vista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro: al via una campagna informativa

CasertaNews è in caricamento