menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Codacons: 'Devastante leffetto tasse sui consumi di Natale degli italiani'

(Firenze) Si conferma il calo dei consumi natalizi previsto dal Codacons. Dopo l'associazione dei consumatori infatti anche i commercianti stanno registrando un calo nelle vendite legate al Natale, come attestano i dati diffusi oggi da...

(Firenze) Si conferma il calo dei consumi natalizi previsto dal Codacons. Dopo l'associazione dei consumatori infatti anche i commercianti stanno registrando un calo nelle vendite legate al Natale, come attestano i dati diffusi oggi da Confcommercio. "Anche quest'anno sarà un Natale di austerity - spiega il Presidente Carlo Rienzi - e prosegue il trend negativo dei consumi natalizi, che ha visto la spesa complessiva degli italiani calare di oltre 8 miliardi di euro dal 2007 ad oggi".Per il Natale 2014 gli acquisti delle famiglie per beni e servizi tipici delle festività (regali, ristorazione, casa, viaggi, ecc.) scendono del -5% rispetto allo scorso anno, con una contrazione della spesa di circa 500 milioni di euro sul 2013 - prosegue il Codacons - Ma non tutti i settori risentiranno della crisi: se infatti per alimentari, telefonia, giocattoli ed elettronica i consumi saranno in linea con quelli degli scorsi anni, i comparti abbigliamento, calzature e arredamento risentiranno del taglio degli acquisti operato dai consumatori, complice anche l'eccessiva vicinanza dei saldi invernali alle festività.
Devastante "l'effetto tasse" sui consumi di Natale degli italiani. Lo denuncia il Codacons, alla vigilia della scadenza del 16 dicembre per il saldo della Tasi e dell'Imu.Le scadenze fiscali del mese di dicembre, che oltre alle tasse sulla casa di domani vedono anche Iva, Tari e ritenute Irpef, stanno avendo un impatto pesante sulle spese degli italiani per le festività, con una contrazione generalizzata degli acquisti natalizi del -5% rispetto allo scorso anno - spiega l'associazione - La riduzione di spesa pari a circa 500 milioni di euro sul Natale 2013 sta danneggiando in particolare i settori dell'abbigliamento, delle calzature e dell'arredamento, dove le vendite appaiono in flessione pesante. "Ma gli italiani, per far fronte al pagamento delle tasse, hanno dovuto tagliare anche gli addobbi natalizi in casa, al punto che 1 famiglia su 3 ha rinunciato quest'anno a nuovi acquisti, preferendo riciclare palline, coccarde, luci, presepi degli anni passati - denuncia il Presidente Carlo Rienzi - Gli unici settori che al momento tengono testa alla crisi dei consumi sono gli alimentari, i giocattoli e i prodotti hi-tech, comparti dove gli acquisti appaiono in linea con quelli degli scorsi anni" - conclude Rienzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento