menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istat: prezzi dellimmobiliare in calo.

Non accenna a fermarsi il calo dei prezzi registrati in Italia per quanto riguarda le compravendite immobiliari. Qualche settimana fa la tendenza era già stata anticipata dall'Osservatorio sul Mercato Residenziale Italiano redatta dall' Ufficio...

Non accenna a fermarsi il calo dei prezzi registrati in Italia per quanto riguarda le compravendite immobiliari. Qualche settimana fa la tendenza era già stata anticipata dall'Osservatorio sul Mercato Residenziale Italiano redatta dall' Ufficio Studi di Immobiliare.it e, secondo i dati diffusi ieri, anche l' Istituto nazionale di statistica la conferma.
Nel secondo trimestre 2014, sulla base delle stime preliminari, l'indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, è diminuito dello 0,6% rispetto al trimestre precedente e del 4,8% nei confronti dello stesso periodo del 2013.
Le flessioni congiunturali e tendenziali sono dovute alle diminuzioni dei prezzi sia delle abitazioni esistenti (-0,7% rispetto al primo trimestre 2014, -5,7% rispetto allo stesso trimestre del 2013) sia di quelle nuove (-0,2% su base congiunturale, -2,7% su base annua).
Pertanto, il differenziale in valore assoluto tra la variazione tendenziale dei prezzi delle abitazioni esistenti e quella dei prezzi delle abitazioni nuove, dopo il minimo del quarto trimestre del 2013 (2,4 punti percentuali), si amplia a 3 punti percentuali da 2,9 del trimestre precedente.

In media, nel primo semestre dell'anno in corso, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, i prezzi delle abitazioni diminuiscono del 4,9%, sintesi di un calo del 2,8% per quelle nuove e del 5,8% per quelle esistenti.
Le stime preliminari del secondo trimestre 2014 confermano il persistere di un quadro di flessione dei prezzi delle abitazioni. L'IPAB, infatti, rispetto al 2010 (anno base dell'indice), registra una diminuzione ormai superiore agli undici punti percentuali (-11,2%). Questa è dovuta esclusivamente alle abitazioni esistenti, i cui prezzi, nello stesso periodo, sono scesi del 16,0%, mentre la variazione di quelli delle abitazioni nuove, sebbene prossima allo zero, risulta tuttora lievemente positiva (+0,3%).Buone notizie quindi per chi è alla ricerca della prima casa, ma decisamente meno buone per chi la casa vorrebbe venderla, magari per comprarne un'altra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

Insegnante della scuola media positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento