rotate-mobile
Cultura Capua

La Divisione Aqui ricorda l'eccidio di Cefalonia e Corfù del 1943

Nella caserma Oreste Salomone la presentazione dei volumi sulle stragi

Nei giorni scorsi, all’interno della caserma “Oreste Salomone” di Capua, sede della Divisione “Acqui”, sono state presentate due opere editoriali: “Così la Divisione Acqui salì in cielo” di Pier Luigi Villari e “Arrendersi o combattere” di Carlo Palumbo. L’attività, organizzata in coordinamento con la Fondazione Europea Cefalonia-Corfù 1941- 1944, è stata moderata dal 1° Luogotenente Alfonso Zoppardo, Sottufficiale di Corpo della Divisione “Acqui”. Dopo i saluti del Generale di Divisione Francesco Bruno, Comandante della Divisione “Acqui”, sono state presentate le opere editoriali.

In particolare nel primo libro viene descritto come i soldati, marinai, carabinieri e finanzieri dell’Acqui non si arresero e decisero di combattere fino al sacrificio delle proprie vite. Nel secondo, sono stati approfonditi gli interrogativi che ancora oggi restano insoluti, tra questi, gli obiettivi del Generale Gandin, il ruolo degli ufficiali che portarono la Divisione a rifiutare l’ordine di disarmo e le ragioni per le quali gli avversari non fecero prigionieri. L’illustrazione delle due opere, unita alla proiezione di contenuti multimediali inediti dell’epoca, ha permesso di rivivere idealmente le vicende della Divisione “Acqui” nelle isole greche, suscitando l’emozione dei parenti di Caduti e Reduci e il coinvolgimento dei giovani allievi Volontari in Ferma Iniziale (VFI) del 17° Reggimento Addestramento Volontari “Acqui”.

Il Comandante dell’Acqui, a conclusione dell’evento, ha espresso grande soddisfazione per l’elevato valore storico-culturale e formativo dell’attività, sia per i militari della Divisione “Acqui”, eredi degli eroi di Cefalonia e Corfù, che per gli allievi VFI del 17°, simbolo di quella futura generazione nella quale è obbligo morale e sociale tenere viva la memoria di coloro che hanno sacrificato la vita per la nostra Patria. Hanno preso parte all’evento il Generale di Corpo d'Armata in congedo Francesco Paolo Spagnuolo, 1° Comandante della ricostituita Divisione “Acqui” dal 2002 al 2005, autorità civili come Marisa Giacobone, Vice Sindaca di Capua nonché alcuni familiari dei Caduti e Reduci di Cefalonia e Corfù come la nipote del Generale Luigi Gherzi, Medaglia d’Oro al Valor Militare fucilato dai tedeschi il 22 settembre del 1943.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Divisione Aqui ricorda l'eccidio di Cefalonia e Corfù del 1943

CasertaNews è in caricamento