rotate-mobile
CasertaNews

Opinioni

CasertaNews

Redazione CasertaNews

Pane nero, sotto accusa il colorante E153 (carbone vegetale): ora temono fornai e pizzaioli che lo usano

Panettieri, pizzaioli e tutti quelli che utilizzano il colorante al carbone vegetale ora temono di non poterlo più adoperare dopo l'operazione da parte della Guardia Forestale che in Puglia ha denunciato 12 panificatori. Questi ultimi producevano...

Panettieri, pizzaioli e tutti quelli che utilizzano il colorante al carbone vegetale ora temono di non poterlo più adoperare dopo l'operazione da parte della Guardia Forestale che in Puglia ha denunciato 12 panificatori. Questi ultimi producevano e commercializzavano “pane, focaccia e bruschette al carbone vegetale”, Gli agenti della Forestale del Comando Regionale per la Puglia e del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Altamura - Parco Nazionale dell’Alta Murgia li hanno denunciati al termine di un'operazione. I presunti responsabili dovranno rispondere di frode nell’esercizio del commercio e produzione di alimenti trattati in modo da variarne la composizione naturale con aggiunta di additivi chimici non autorizzati dalla Legge. La preparazione dei prodotti da forno sequestrati avveniva, infatti, attraverso l’aggiunta alle ricette classiche del pane e della focaccia del colorante E153 carbone vegetale, procedimento vietato dalla legislazione nazionale e da quella europea. Tali normative appunto non consentono l’utilizzo di alcun colorante sia nella produzione di pane e prodotti simili, sia negli ingredienti utilizzati per prepararli: acqua, farina, sale, zucchero, burro e latte. I prodotti sequestrati venivano reclamizzati esaltandone la digeribilità per la loro presunta capacità assorbente che costituirebbe un ausilio per i disturbi gastrointestinali. Così è scattata le denuncia per i titolari di dodici panifici dislocati nelle città di Bari, Andria, Barletta, Foggia, Taranto e Brindisi. Gli investigatori della Forestale stanno vagliando la regolarità di altri prodotti alimentari che contengono lo stesso tipo di additivo.

L’importante operazione conferma la necessità di fare chiarezza sull’utilizzo diffuso di un colorante (E153) per produrre il cosiddetto "pane nero", in apparente contrasto con la normativa che prevede espressamente che per il pane e i prodotti simili l'uso di coloranti è vietato. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’operazione del Corpo forestale dello stato che ha denunciato 12 panificatori che producevano e commercializzavano pane, focaccia e bruschette al carbone vegetale utilizzando il colorante E153, procedimento vietato anche negli Stati Uniti dalla Food and drug administration (Fda) di solito piu’ aperta ad accettare margini di rischio. Il prodotto – sottolinea la Coldiretti - ha avuto in Italia una rapida diffusione tra fornai e ristoranti per confezionare gli hamburger o addirittura fare la pizza o cornetti per colazione. Il colore non dipende dunque dall’uso di farine integrali e nemmeno da coloranti naturali come il nero di seppia ma dal carbone vegetale che è una sostanza classificata come additivo. In attesa dei chiarimenti sulla sicurezza alimentare il consiglio della Coldiretti è quello di scegliere fra le centinaia di pani tradizionali naturali presenti lungo tutto lo stivale tra i quali ben 5 sono stati addirittura riconosciuti dall’Unione Europea. La Coppia ferrarese, la pagnotta del Dittaino, il pane casareccio di Genzano, il pane di Altamura e il pane di Matera sono i prodotti registrati e tutelati a livello comunitario che hanno permesso all’Italia di conquistare il primato Europeo ma - sottolinea la Coldiretti - sono centinaia le specialità tradizionali censite dalle diverse regioni.

Invece del pane nero, in virtù di una moda recente, si può acquistare il "Pane cafone" della Campania, così chiamato perché con questo termine erano chiamati i contadini al tempo dei Borboni, al "Pan rustegh" della Lombardia che giustifica il vecchio detto “pane di villano, rustico ma sano”, dal “Pan ner” della Val D'Aosta ottenuto da un impasto di segale e frumento, alla "Lingua di Suocera" piemontese nel cui nome è sin troppo evidente il riferimento, per la verità un po’ cattivello, alla lunghezza della lingua delle suocere. Tra le novità piu’ richieste del mercato – continua la Coldiretti - c’è peraltro l’acquisto del pane realizzato con varietà di grano locali spesso di varietà salvate dall’estinzione direttamente dai produttori agricoli e venduto nelle aziende o nei mercati di campagna amica. Il consumo di pane degli italiani è sceso al minimo storico nel 2015 a circa 90 grammi, pari a meno di due fettine di pane al giorno (o due rosette piccole) a persona mentre nel 1861, anno dell’Unità d’Italia, si mangiavano ben 1,1 chili di pane a persona al giorno. Da allora si è verificato un profondo cambiamento degli equilibri nutrizionali della dieta con un progressivo contenimento dei consumi di pane che nei tempi recenti sono scesi – sottolinea la Coldiretti - nel 1980 intorno agli 230 grammi a testa al giorno, nel 1990 a 197 grammi, nel 2000 a 180 grammi, nel 2010 a 120 grammi e nel 2012 a 106 grammi. Ad essere preferito - conclude la Coldiretti - è il pane artigianale che rappresenta l’88 per cento del mercato con un consumo in costante calo mentre, a differenza, cresce negli ultimi anni la domanda dei prodotti i sostitutivi del pane come crackers, grissini e pani speciali.

Oltre al pane nero sono tanti in Campania ad utilizzare il carbone vegetale per produrre la pizza e gli hamburger. Addirittura c'è chi utilizza il colorante per produrre la mozzarella nera.

Si parla di

Pane nero, sotto accusa il colorante E153 (carbone vegetale): ora temono fornai e pizzaioli che lo usano

CasertaNews è in caricamento