menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Candidatura della Dieta mediterranea come Patrimonio immateriale dellumanit Unesco

Napoli - Sabato 13 marzo 2010, si è svolto in Marocco un incontro tra le comunità emblematiche della candidatura della Dieta mediterranea come Patrimonio immateriale dell'umanità Unesco. La candidatura congiunta evidenzia l'importanza che tale...

Sabato 13 marzo 2010, si è svolto in Marocco un incontro tra le comunità emblematiche della candidatura della Dieta mediterranea come Patrimonio immateriale dell'umanità Unesco. La candidatura congiunta evidenzia l'importanza che tale elemento ricopre per le comunità emblematiche, un elemento che accomuna popoli territorialmente distanti e che rafforza il dialogo interculturale al fine di salvaguardare un patrimonio tradizionale unico delle comunità.Oggi è stat firmata a Chefchaouen in Marocco la "Dichiarazione di Chefchaouen" a sostegno della candidatura della Dieta mediterranea nella Lista del patrimonio immateriale dell'Unesco da parte delle quattro comunità emblematiche individuate nei rispettivi Stati Parte: Sorìa (Spagna), Koron (Grecia), Cilento (Italia) e Chefchaouen (Marocco). Cosi è intervenuto questa mattina il Rappresentante della Consulta Nazionale dell'Agricoltura,Rosario Lopa, durate il radiogiornale di una nota emittente radifonica campana.Con la firma della Dichiarazione le quattro comunità si impegnano ad avviare forme di partenariato e collaborazione reciproca ed a realizzare un analogo evento entro la fine del 2010 a sostegno della Dieta mediterranea. La candidatura congiunta della Dieta mediterranea evidenzia l'importanza che tale elemento ricopre per le comunità emblematiche, un elemento che accomuna popoli territorialmente distanti e che rafforza il dialogo interculturale al fine di salvaguardare un patrimonio tradizionale unico delle quattro comunità. Sta emergendo una forte identità per la dieta mediterranea che la connota come una dieta con grandi valori nutrizionali e con un alto grado di prevenzione delle malattie,ha precisato l'esponente dell'Agricoltura.Ci sono due agganci per la dieta mediterranea sui quali dobbiamo lavorare, sostiene Lopa, Uno che naturalmente si richiama alla leggerezza di questa scelta alimentare e l'altra che si lega alle evidenze scientifiche che sempre più accompagnano le riflessioni sulla dieta mediterranea.La riscossa della dieta mediterranea ha aperto nuove strade, ha concluso Lopa, aggiungendo che ciò avviene in controtendenza con le abitudini alimentari del passato quando si preferiva un menù ad alto valore proteico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento