menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Protocollo per la diffusione delle eccellenze campane nella rete ristorazione regionale

Napoli - Ieri mattina, presso la Sala Giunta di Palazzo Santa Lucia, l'assessore regionale all'agricoltura Gianfranco Nappi ha firmato un protocollo di intesa per la diffusione delle eccellenze agroalimentari campane nella rete di ristorazione...

Ieri mattina, presso la Sala Giunta di Palazzo Santa Lucia, l'assessore regionale all'agricoltura Gianfranco Nappi ha firmato un protocollo di intesa per la diffusione delle eccellenze agroalimentari campane nella rete di ristorazione della regione.
L'intesa, denominata "Le eccellenze dell'agricoltura nell'eccellenza della ristorazione campana" è stata sottoscritta da Slow Food, dalla Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi, dalla Associazione Verace Pizza Napoletana e dalle Organizzazioni Agricole Coldiretti, Cia e Confagricoltura.

Obiettivi e competenze
L'obiettivo di partenza del protocollo è di promuovere la presenza di un novero sempre più ampio di prodotti tipici e a marchio dell'agricoltura, del sistema agroalimentare e della pesca campani nella rete della ristorazione della regione. Nello specifico: la Regione si impegna a realizzare una campagna ad hoc sull'intesa, con una guida dei ristoranti aderenti, un corner di prodotti tipici nei locali, un portale di e-commerce e un evento annuale di promozione; Le Organizzazioni agricole favoriranno l'adesione più ampia delle imprese ai contenuti della stessa contribuendo a concorrere alla definizione di un paniere di prodotti e di aziende da mettere a disposizione della rete della ristorazione, rimanendo stabilito che accederanno al paniere solo i prodotti e le aziende che rientrino nei sistemi regionali di rintracciabilità Doag; Slow Food collaborerà all'attuazione dell'intesa e a diffonderne i contenuti nell'ambito delle sue iniziative comunicative ed editoriali su scala nazionale e internazionale.

Il disciplinare per i ristoranti
I ristoratori campani, rappresentati da Fipe e Associazione Verace Pizza Napoletana, coordineranno con gli altri firmatari la cabina di regia per l'attuazione dell'intesa, che si baserà sul rispetto di un disciplinare sui prodotti da parte degli esercizi aderenti.

Di seguito i punti focali del disciplinare:
1) Ogni esercizio, ristorante, trattoria, osteria, dovrà proporre nel proprio menù pietanze entro cui siano nell'insieme utilizzati almeno :
2 etichette di olio extravergine campano di produttori diversi e di cui almeno 1 DOP; 10 etichette di vino di produttori di vino campani, di cui almeno 5 DOC e 1 DOCeG; 2 prodotti campani DOP ( oltre all'olio); 2 prodotti campani a IGP; 2 prodotti fra i presidi Slow Food della Campania (non ricompresi tra i precedenti); 5 fra i prodotti tradizionali campani.
2) Ogni esercizio, pizzeria, aderirà al disciplinare della Verace Pizza Napoletana e, per la Campania, dovrà proporre anche tipologie di pizze fatte integralmente con prodotti campani (Olio DOP, Mozzarella DOP, Pomodoro San Marzano o Pomodorino del Piennolo, farina da grano tenero campano).

3) Ogni esercizio, bar, dovrà proporre alla vendita e utilizzare preferibilmente per il consumo latte Nobile e di Alta qualità proveniente integralmente da allevamenti campani.
4) Tutti i locali aderenti dovranno esibire un "menu rintracciabile", con tutte le caratteristiche dei prodotti utilizzati per le pietanze. Il rispetto del disciplinare sarà assicurato da un sistema regionale di controllo ad hoc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento