menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090910072336_leopardi

20090910072336_leopardi

'Leopardi a Tavola' con Condotta Slow Food Volturno

Presenzano - Non tutti sono a conoscenza che tra le carte di Giacomo Leopardi conservate alla Biblioteca nazionale di Napoli c'è una lista di pietanze scritta dal poeta. E' un ritaglio di carta avorio, lungo e sottile, dove la scrittura minuta e...

Non tutti sono a conoscenza che tra le carte di Giacomo Leopardi conservate alla Biblioteca nazionale di Napoli c'è una lista di pietanze scritta dal poeta. E' un ritaglio di carta avorio, lungo e sottile, dove la scrittura minuta e precisa, chiara e elegante di Giacomo Leopardi si staglia netta, perdendosi nei toni dell'inchiostro bruno; un appunto, un promemoria, una traccia di un desiderio esaudito: questa lista racchiude infatti un elenco di 49 piatti realizzati con mano sapiente lì, a Napoli, dove Giacomo arriva nell'autunno del 1833 insieme all'amico Antonio Ranieri.

Questo è quanto si riporta nella quarta di copertina del libro Leopardi a Tavola, di Domenico Pasquariello "Dègo" e Antonio Tubelli, che venerdi 18 settembre, alle ore 20.30, la Condotta Slow Food Volturno presenterà all'Agristor Le due Torri di Presenzano, con la partecipazione di Domenico Pasquariello "Dègo", artista eclettico la cui famiglia lasciò Caiazzo agli inizi del '900 e che tra le tante iniziative intraprese ha fondato a Parigi l'Accademia della Pasta. E' questo il secondo appuntamento della rassegna Book & Food, che avrà il suo culmine nella cena preparata con gusto e competenza dal patron dell'Agristor Le due Torri, Salvio Passariello.
Il menù proposto si ispira alla lista del poeta Leopardi ma permetterà di tracciare un percorso tutto campano tra quelle eccellenze enogastronomiche coerenti con la filosofia di Slow Food, che ricerca in cibi e bevande il rispetto per la stagionalità e per l'ambiente, il legame con le tradizioni e la storia dei luoghi, la passione per il proprio lavoro, la vocazione all'ospitalità. Ospite d'onore a tavola sarà il vitello di razza marchigiana, discendente del bovino podolico autoctono, allevato nella fattoria Carpineto, attigua all'Agristor Le due Torri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il blocco autostradale lascia i bambini senza pranzo

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano, contagi in calo

  • Cronaca

    La Procura sequestra il varco d'ingresso al Lidl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento