Cronaca

Vola sugli scogli dopo la lite col fidanzato, Amanda respira da sola

Migliorano le condizioni della 22enne che sarà sentita dagli inquirenti nei prossimi giorni. I familiari nominano un legale

La tragedia avvenuta a Nisida

Buone notizie dal Secondo Policlinico di Napoli. Amanda, la 22enne casertana spinta dal fidanzato sugli scogli a Nisida, sta meglio ed è fuori pericolo di vita. 

Sono stati giorni di paura per la giovane giunta in ospedale in gravissime condizioni. Ieri è stata estubata ed ha ripreso a respirare autonomamente. La ragazza resta, comunque, ricoverata per una frattura al bacino. Necessita ancora di riposo dopo il trauma subito. Nei prossimi giorni, con ogni probabilità, verrà sentita dall'autorità giudiziaria per ricostruire la dinamica di quanto accaduto. I familiari della giovane hanno conferito procura speciale all'avvocato Alfonso Iovino che seguirà la vicenda giudiziaria. 

Intanto, resta in carcere il fidanzato, il 24enne napoletano Gennaro Maresca. Il giudice ha convalidato il suo arresto. L'accusa è pesantissima: tentato omicidio. L'episodio si è verificato lo scorso 11 giugno. Stando a quanto ricostruito c'era stato un litigio tra i due, che sarebbe nato per motivi di gelosia. Il ragazzo l'aveva spintonata, facendole perdere l'equilibrio. Amanda era caduta all'indietro e, dopo un volo di circa cinque metri, era andata a sbattere sugli scogli ed era scivolata in mare, priva di coscienza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vola sugli scogli dopo la lite col fidanzato, Amanda respira da sola

CasertaNews è in caricamento