Cronaca

Palpeggiata da sottufficiale dell'esercito, la ragazza testimonia in aula contro il suo aggressore

L'imputato è accusato di violenza sessuale. La fermò con una scusa, poi le infilò la mano nelle parti intime

Finisce sotto processo per violenza sessuale G.B., 47 anni di Casapulla, sottufficiale dell’esercito, che qualche anno fa bloccò per un braccio una ragazza 20enne palpeggiandola nelle parti intime del corpo ed in particolare toccandole il seno. Il fatto avvenne in una pubblica via di Santa Maria Capua Vetere. Alla giovane donna il militare si rivolse con la scusa di chiederle delle informazioni stradali ma in realtà chiedendole di passare del tempo insieme con lei.

La ragazza riuscita a liberarsi del militare si recò insieme al fidanzato, che prontamente accorse in aiuto della sua compagna, presso la locale Caserma dei Carabinieri e sporse regolare denunzia. Dopo gli accertamenti del caso e le dovute indagini e dopo di aver sentito diversi testimoni il Pubblico Ministero chiese ed ottenne il rinvio a giudizio.

Il procedimento penale ora pende dinanzi alla seconda sezione penale del Tribunale sammaritano e ieri la ragazza è stata sentita in aula ed ha confermato le accuse nei confronti del militare dopo di essersi costituita parte civile assistita dall’avvocato Fiorentina Orefice e dopo di essere stata interrogata dai difensori dell’imputato l’avvocato Donato Laino e l’avvocato Raffaele Crisileo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palpeggiata da sottufficiale dell'esercito, la ragazza testimonia in aula contro il suo aggressore

CasertaNews è in caricamento