Violenza sessuale su due cuginette, chiuso il processo al sociologo

A fine gennaio la requisitoria del pubblico ministero e le arringhe dei difensori

E' accusato di aver abusato di due bambine

Una delle due bambine era capace a testimoniare mentre sull'altra la perizia disposta dai giudici non ha sciolto i dubbi. Questo l'esito della consulenza disposta dal collegio presieduto dal giudice Loredana Di Girolamo che, di fatto, ha chiuso il processo a carico di un sociologo 63enne di Piedimonte Matese accusato di violenza sessuale nei confronti di due cuginette che, all'epoca dei fatti avvenuti tra il 2015 ed il 2018 avevano 7 ed 8 anni.

I giudici, dopo un lungo dibattimento, hanno disposto una nuova perizia per valutare la capacità a testimoniare delle due piccole. Il perito nominato per una delle due ha dichiarato la piena capacità a testimoniare mentre per la più giovane la consulente ha lasciato il dubbio. I giudici hanno dichiarato la chiusura del dibattimento con il processo rinviato a fine gennaio quando è prevista la requisitoria del pm e le arringhe dei difensori delle parti civili, gli avvocati Emanuele Sasso e Carmela Amato, e dell'imputato, l'avvocato Alfano. 

I fatti di cui il 63enne è accusato si sono verificati dal 2015 al 2018 ad Alife, nella casa di una parente dell'uomo dove le due bambine si recavano per svolgere i compiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento