menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo è morto all'ospedale di Maddaloni

Vincenzo è morto all'ospedale di Maddaloni

Muore in ospedale, Vincenzo non ce l'ha fatta

Il clochard adottato da "L'angelo degli ultimi" è morto dopo il ricovero

Il suo cuore non ha retto più ad uno stato di salute da tempo critico. È morto all’ospedale di Maddaloni Vincenzo, clochard molto noto in zona, trasportato nel nosocomio grazie all’intervento dell’associazione “L’angelo degli ultimi”, che ormai da tempo era al suo fianco e che gli faceva sentire l’affetto e il calore di una vera famiglia.

Le sue condizioni erano peggiorate nelle scorse ore, tanto da essere trasportato al pronto soccorso per essere preso in cura dai medici dell’ospedale Maddaloni, dove però questa notte Vincenzo ha smesso di respirare.

L’ultimo ricordo del clochard è arrivato proprio dall’associazione che da tempo lo aveva ‘adottato’, in un post su Facebook che ha ricevuto tanti messaggi di cordoglio per la scomparsa di una persona gentile e mite, che a Maddaloni tutti conoscevano. 

“Vincenzo è morto siamo tutti sconvolti - si legge nel post - Solo di una cosa possiamo essere sicuri si sa dove si nasce non si sa dove si muore. Negli ultimi giorni della sua vita, prima che incontrasse noi, molte persone hanno cercato di aiutarlo ma altrettanti persone si sono comportati male verso di lui. Adesso non è il momento di sfogare la nostra rabbia, dobbiamo solo pensare a pregare per la sua anima. Sdesso sei fra le braccia del Signore dove ti proteggerà per sempre. Ancora grazie all’ospedale di Maddaloni che ha fatto l’inimmaginabile per salvarlo ma il suo cuore purtroppo a smesso di battere. Per me la sua ultima carezza sulla mia guancia e le sue strette di mano resteranno sempre vive nel mio cuore. Ciao Vincenzo, grande uomo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento