menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei frammenti del video di minacce al sindaco Velardi

Uno dei frammenti del video di minacce al sindaco Velardi

Svelate le minacce al sindaco: 2 video in stile Isis con tagliagole e mitragliatrici

Immagini sanguinarie dirette a Velardi. I consiglieri in piazza: “Giù le mani dalla città”

E’ da inizio dicembre che tutti si chiedono il motivo per cui il sindaco di Marcianise Antonello Velardi ha deciso di sospendere il suo Diario su Facebook, facendo intendere di aver subito intimidazioni e minacce. In tanti si sono chiesti cosa sia realmente accaduto, tra presunte lettere minatorie che si rimbalzano di voce in voce.

CasertaNews oggi svela quello che realmente è accaduto e che ha portato il comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza a vagliare (dando, pare, parere positivo) l’ipotesi di affidare la scorta al giornalista. Le minacce a Velardi sono riassunte in due video che sono stati postati su Facebook.

Uno risalente ad ottobre (postato con data 2 ottobre seppure riprenda una foto scattata il 20 ottobre) in cui si vede un Beagle in via Roma a Marcianise, proprio nei pressi dell’ingresso degli uffici comunali, e si odono degli spari di mitraglietta. Il secondo risulta postato il 2 novembre ed è molto più cruento. E’ un vero e proprio video in stile Isis, che riprende corpi con teste mozzate ed anche un fotomontaggio che fa riferimento direttamente al sindaco di Marcianise. Ecco dunque quali sono le minacce ricevute dal primo cittadino che sono ora al vaglio della polizia.

Intanto, i consiglieri comunali di maggioranza hanno anticipato il flash mob atteso per domenica ad oggi pomeriggio: si sono ritrovati in piazza Umberto I con uno striscione recante la scritta “Giù le mani dalla città” ed hanno indossato delle maschere raffiguranti la faccia del sindaco. Un gesto di vicinanza e solidarietà al primo cittadino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento