menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La decisione del Vescovo d'Alise

La decisione del Vescovo d'Alise

Coronavirus, dal vescovo lo stop ai riti di Quaresima: "Ritiro spirituale sia personale"

Il Comune di Caserta manda in ferie tutti i dipendenti. A Sessa Aurunca anziani costretti a muoversi per la chiusura degli uffici periferici delle Poste. Tampone negativo per un bambino di Parete

Quaresima con "ritiro spirituale personale" per preti e diaconi della diocesi di Caserta. E' quanto ha disposto il vescovo Giovanni D'Alise che ha soppresso i riti quaresimali nel rispetto delle misure previste per evitare la diffusione del Coronavirus.

La lettera del Vescovo

In una nota della Diocesi D'Alise ha sottolineato come "le nostre progettazioni pastorali per la Quaresima e per la Pasqua sono state azzerate, ponendoci in una situazione diversa". Una situazione che il Pastore Casertano ha definito di "deserto" ma anche, per tutti i fedeli, di "digiuno eucaristico". Ma in un periodo come questo l'invito del vescovo è quello della riflessione e della meditazione, abbandonando "ciò che è inutile, fuori tempo" e vivere le restrizioni come "opportunità di pensare alla nostra vita spirituale e di fare Pasqua, rivivendo in noi il Mistero Pasquale: attraverso la Croce giungere alle Risurrezione". "Aiutiamo tutti a tenere alta la Speranza", conclude il Vescovo. 

Soppressi i riti di Quaresima

Le misure di contenimento del Covid 19 hanno spinto D'Alise alla "soppressione dei riti di Quaresima per Presbiteri e Diaconi, in programma per il 20 e 27 marzo". La Curia Vescovile resta, comunque, aperta con i colloqui tra i sacerdoti ed il Vescovo che proseguiranno da lunedì prossimo in poi. Nel pomeriggio di oggi, infatti, avverrà la sanificazione dei locali della Curia che resterà chiusa fino al 16 marzo.

Tutti gli aggiornamenti sul Coronavirus in provincia di Caserta

Dipendenti del Comune in Ferie

Rallenta anche l'attività dell'amministrazione comunale di Caserta che ha posto in ferie tutti i dipendenti garantendo esclusivamente, ed in misura ridotta, esclusivamente i servizi essenziali tra cui: le registrazioni di nascita e morte, i servizi cimiteriali limitatamente alle procedure di inumazione delle salme, manutenzione e pronto intervento, polizia municipale, custodia della Caserma Sacchi, servizi dedicati al personale stesso, servizi a tutela delle fasce deboli, raccolta rifiuti, canile municipale, ufficio protocollo, pubblicazione albo pretorio, gabinetto del sindaco e staff del segretario generale. Il dirigente si è riservato ulteriori di individuare ulteriori attività da reitrodurre per evitare di compromettere il buon esito delle attività amministrative.

Il sindaco di Sessa Aurunca scrive alle Poste

A Sessa Aurunca, invece, ha creato non pochi disagi ai cittadini la gestione del servizio da parte di Poste Italiane che ha limitato l'apertura degli uffici, con la serrata di gran parte delle sedi periferiche. Una circostanza che ha portato il sindaco Silvio Sasso a scrivere a Poste Italiane per sottolineare come tale gestione costringa "centinaia di cittadini, in gran parte anziani, a dover effettuare, anche per il più semplice ed essenziale ritiro della pensione, lunghi spostamenti". 

Tampone su un bambino: sospiro di sollievo

Infine, una buona notizia. Il tampone effettuato su un bambino di Parete ha dato esito negativo. A renderlo noto è stato il sindaco Gino Pellegrino che ha comunicato la notizia ai genitori. "Sono estremamente felice", ha dichiarato in un post su Facebook.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento