Raid vandalico a scuola, danni per 20mila euro

Sette computer rubati, vetri in frantumi, banchi e sedie rotti. La preside scrive al Ministro: "Ci sostenga nella battaglia contro questi delinquenti"

Il raid alla scuola di piazza Volta dei Perri

Banchi capovolti, sedie rotte, vetri frantumati, armadietti sfasciati e sette computer rubati. È il bilancio dell'ultimo raid avvenuto al plesso "Padre Pio" in piazza volta dei Perri a San Felice a Cancello. Si tratta della 21esima intrusione in un anno nella scuola che ora teme altri episodi come questi.

A dare l'allarme, ieri alle 7:30, è stato il custode. I malviventi, dopo essersi introdotti nella sala insegnanti, hanno aperto la cassaforte e prelevato la chiave della sala informatica. Prima hanno rovistato negli scaffali alla ricerca di qualche salvadanaio e poi hanno rubato i personal computer dislocati all'interno della sala. "È una situazione - spiega la dirigente Teresa Mauro all'agenzia Dire - che non si riesce più a sostenere. Sono impaurita che episodi del genere possano mettere a repentaglio il futuro del nostro istituto. Chiedo alle forze dell'ordine di aiutarmi e di farlo davvero con coscienza. Purtroppo non possiamo sia noi docenti che i genitori continuare a vivere con queste paure. Tutti gli alunni dell'istituto ogni mattina mi chiedono se la situazione è sotto controllo".

La dirigente scolastica si è detta pronta a scrivere anche una lettera al ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina per cercare un sostegno "nella battaglia contro questi delinquenti". A peggiorare la situazione sembra - a detta degli inquirenti - che si tratti di ragazzini tra i 14 e i 17 anni che conoscono molto bene la scuola. Intanto il danno conteggiato per quest'ultimo atto vandalico ammonta a circa 20 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento