rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Marcianise

Nuovo caso di vaiolo delle scimmie in un'azienda casertana

Un dipendente di Caivano è risultato positivo. Asl attiva sorveglianza sanitaria per i colleghi

Dopo il caso di vaiolo delle scimmie alla base US Navy di Gricignano d'Aversa c'è un altro contagio che preoccupa maggiormente l'Asl di Caserta. Si tratta di quello di un paziente di Caivano la cui positività al MonkeyPox è stata riscontrata al Cotugno ed è ora in attesa della conferma da parte dell'Istituto Superiore di Sanità. Sarebbe il quinto caso in Campania a cui si andrebbe ad aggiungere un ulteriore caso sospetto su cui sono in corso accertamenti. 

Sorveglianza sanitaria attivata in un'azienda di Marcianise

L'uomo, secondo quanto comunicato all'Asl di Caserta, lavora in un'azienda di Marcianise. Il Dipartimento di Prevenzione sta in queste ore individuando i possibili contatti avvenuti sul luogo di lavoro e sottoporli a sorveglianza sanitaria attiva. In caso di comparsa dei sintomi (febbre e vesciche) si procederà con i test per verificare se siano stati contagiati dal virus. I familiari dell'uomo di Caivano, invece, sono stati messi in isolamento. 

Il contagio accertato alla base Nato

Intanto, migliorano le condizioni del paziente ricoverato all'ospedale interno della base Nato di Gricignano d'Aversa, il primo caso nel casertano. Le terapie prescritte dagli infettivologi del Cotugno stanno dando gli effetti sperati. L'uomo avrebbe effettuato un viaggio in Africa manifestando sintomi al ritorno al lavoro, in particolare la comparsa sulle cute delle mani e in altre parti del corpo delle tipiche vescicole e qualche linea di febbre. La positività è stata accertata presso il laboratorio di analisi specializzato in malattie infettive dall'ospedale Cotugno di Napoli il 18 luglio scorso ma dell'esito positivo si è appreso solo nella serata di ieri. 

Il vaiolo delle scimmie "emergenza sanitaria globale"

Intanto proprio l'altro ieri l'Oms ha dichiarato il vaiolo delle scimmie emergenza sanitaria globale con 1700 casi registrati in un solo giorno. Gli esperti assicurano che, di solito, la malattia sparisce senza sequele e complicanze ma proprio come il Covid-19 soltanto nei soggetti più anziani e deboli può causare problemi. La malattia è solitamente più lieve del vaiolo umano e il sintomo più comune è rappresentato da un'eruzione cutanea con febbre e cefalea mentre la trasmissibilità è molto inferiore al Covid e necessita di un contatto molto stretto o lo scambio di sangue o rapporti sessuali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo caso di vaiolo delle scimmie in un'azienda casertana

CasertaNews è in caricamento