rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Marcianise

Imprenditore sotto usura perde la casa, processo alle battute finali

La Dda ha chiesto 10 anni per Raffaele Rossetti e 9 per suo zio Domenico. In settimana la sentenza

Volge alle battute finali il processo per usura a carico di Raffaele Rossetti e di suo zio Domenico, entrambi di Capodrise. La prossima settimana è prevista la sentenza del collegio presieduto dal giudice Luciana Crisci del tribunale di Santa Maria Capua Verere. 

Il pubblico ministero Vincenzo Ranieri ha chiesto 10 anni di reclusione per Raffaele e 9 per Domenico Rossetti. Rispondono dell'accusa di usura e di una richiesta estorsiva ai danni di un imprenditore di Marcianise, costituitosi parte civile con l'avvocato Mariano Omarto. 

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Raffaele Rossetti avrebbe prestato ad un imprenditore, che si trovava in stato di bisogno, 29mila euro riuscendone ad ottenere, in cambio, 60mila euro in circa 6 anni. L’accusa di prestiti a tassi usurari è arrivata, però, nel momento in cui la parte offesa sarebbe stata costretta a cedere un immobile intestato alla moglie del valore di 170mila euro, che era stato posto a garanzia del prestito. E per costringere la vittima a cedere e pagare, secondo la ricostruzione della Procura distrettuale antimafia, non sarebbero mancate intimidazioni e atti di violenza, con l'imprenditore che sarebbe stato schiaffeggiato.

Gli imputati sono difesi dagli avvocati Antonio Pota, Angelo Raucci, Pietro Nardi e Nicola Musone. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore sotto usura perde la casa, processo alle battute finali

CasertaNews è in caricamento