Usura, l'ex marito della commerciante si rimangia le accuse e difende gli strozzini

Numerose contestazioni del pm e della parte civile: rischia la falsa testimonianza. Processo chiuso

La vittima finita nella rete degli usurai

Ha addirittura difeso due degli usurai finiti sul banco dei testimoni. E' stata un'udienza tesa quella che ha visto sul banco dei testimoni l'ex marito di una commerciante di Maddaloni, vittima di un gruppo di strozzini.

L'ex coniuge, sentito su disposizione del giudice Roberto Donatiello, se da un lato ha confermato le accuse mosse nei confronti di due degli usurai (tra cui Giuseppe Fedele) dall'altro ha 'difeso' altri due degli imputati, Tommaso Giglio e Lorenzo Vinciguerra. Un'udienza fiume, durata circa 4 ore, in cui l'uomo, denunciato a sua volta dalla stessa moglie dopo la fine della loro relazione per stalking, si è 'rimangiato' parzialmente le accuse fatte e sottoscritte in fase di indagini agli organi inquirenti. Circostanze per le quali il pm Simona Faga potrebbe valutare anche l'invio degli atti in Procura per falsa testimonianza. 

Il giudice, al termine dell'udienza, ha dichiarato la chiusura dell'istruttoria dibattimentale rinviando all'inizio di luglio per la requisitoria del pm e la discussione della parte civile con la vittima che è rappresentata in giudizia dagli avvocati Andrea Balletta e Gianluca Giordano. Poi toccherà ai difensori con la sentenza che potrebbe arrivare a fine luglio. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Santoro, Strofolino, Michele Ferraro, Mario Corsiero, Gallo e Grasso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti di cui al processo risalgono al 2011 quando la titolare di una ricevitoria di Maddaloni finì in una spirale di prestiti a cui non riusciva a far fronte per gli elevati tassi d'interesse. Per saldare i debiti la donna si rivolse ad altre persone che a loro volta richiedevano tassi elevati per la restituzione. Secondo gli inquirenti l’importo complessivamente ricevuto in prestito dalla donna ammonta a circa 100.000 euro, mentre la somma restituita in soli sei mesi sarebbe risultata pari al doppio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento