Cronaca Maddaloni

Commerciante nella morsa dell'usura: i carabinieri svelano le indagini al processo

Alla sbarra ci sono 8 persone accusate dei prestiti "a strozzo" alla titolare di una ricevitoria

I carabinieri in aula nel processo ad 8 persone accusate di usura per aver prestato "a strozzo" soldi ad una commerciante di Maddaloni finita in un vero e proprio vortice dal quale non riusciva ad uscire.

Stamattina nel corso dell'udienza celebrata al tribunale di Santa Maria Capua Vetere - dinanzi al collegio presieduto dal giudice Roberto Donatiello - è stato ascoltato il capitano dei carabinieri che ha coordinato le indagini. L'ufficiale ha riepilogato i diversi prestiti ed i tassi di interesse applicati dai presunti strozzini. Il processo è stato, dunque, rinviato alla fine di febbraio quando in aula si presenterà un altro ufficiale dei carabinieri che materialmente effettuò le attività d'indagine tra intercettazioni ed appostamenti. 

I fatti di cui al processo risalgono al 2011 quando la titolare di una ricevitoria di Maddaloni finì in una spirale di prestiti a cui non riusciva a far fronte per gli elevati tassi d'interesse. Per saldare i debiti la donna si rivolse ad altre persone che a loro volta richiedevano tassi elevati per la restituzione. Secondo gli inquirenti l’importo complessivamente ricevuto in prestito dalla donna ammonta a circa 100.000 euro, mentre la somma restituita in soli sei mesi è risultata pari al doppio.

Con questa accusa sono finiti alla sbarra Tommaso Giglio e Costanza Orso, titolari di una gioielleria; Lorenzo Vinciguerra, commerciante; Luigi Marciano e Giuseppe Fedele. La vittima ed un suo dipendente si sono costituiti parte civile al processo con gli avvocati Gianluca Giordano ed Andrea Balletta
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commerciante nella morsa dell'usura: i carabinieri svelano le indagini al processo

CasertaNews è in caricamento