rotate-mobile
Cronaca

Truffa dello specchietto da 300 euro, denunciati

Sono finiti nei guai un 35enne di Roma e un 52enne di Caserta

“Con lo specchietto retrovisore della macchina hai urtato il mio gomito facendomi cadere lo smartphone dalle mani”. Queste sono state le parole con cui un 35enne di Roma ed il suo complice, un 52enne di Caserta, hanno tentato di consumare la cosiddetta ‘truffa dello specchietto’ nei confronti di un 51enne.

Intorno alle 19 un 51enne alla guida della sua auto, in via Quercione, ha notato una vecchia Renault Clio parcheggiata sul ciglio della strada con all’esterno un uomo che parlava con il conducente. Nonostante sia transitato a debita distanza dal quell’uomo ha sentito uno strano rumore. Subito dopo si è accorto, guardando dallo specchietto retrovisore, di essere inseguito da quella Renault Clio, i cui occupanti lo stavano invitando a fermarsi. Arrestata la marcia e sceso dal veicolo è stato accusato da uno dei due di aver urtato, con lo specchietto retrovisore, il suo gomito facendogli cadere di mano lo smartphone, causandone così la rottura del display, chiedendo un risarcimento di 300 euro.

Sebbene convinto di non averlo toccato, il 51enne ha comunque deciso di recarsi al vicino ufficio postale per ritirare la somma di denaro richiesta. Nel mentre si apprestava a prelevare allo sportello Atm, ha visto gli occupanti la Renault allontanarsi repentinamente al sopraggiungere di una pattuglia dei carabinieri, casualmente in transito da quelle parti. Ai militari dell’Arma, che nel frattempo avevano fermato proprio quella vettura per un controllo, ha raccontato quanto accaduto. E’ stato in quell’istante che, grazie all’intervento dei crabinieri, ha preso coscienza di essere stato vittima di un tentativo di truffa. I due sono stati denunciati per truffa aggravata mentre il solo 35enne anche per false generalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dello specchietto da 300 euro, denunciati

CasertaNews è in caricamento