rotate-mobile
Cronaca Aversa

Maxi sequestro da 52 milioni di euro

False fatture, 65 indagati. Due casertani ai vertici della organizzazione

Un maxi sequestro da 52 milioni di euro è stato operato dai Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Varese su richiesta della Procura, accolta dal gip del Tribunale di Napoli, nell’ambito di una inchiesta relativa ad una associazione per delinquere dedita a reati di natura tributaria. Sono 65 gli indagati e sono stati sequestrati beni per un valore di 52 milioni di euro.

L'indagine, coordinata dalla Procura di Napoli e condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Varese, ha consentito di individuare un meccanismo di frode, attuato mediante l’emissione di fatture per operazioni inesistenti da parte di numerosi prestanome, società cartiere, con il concorso di numerosi professionisti compiacenti, finalizzato alla creazione di fittizi crediti Iva, quantificati in circa 52 milioni di euro, crediti utilizzati per effettuare successivamente indebite compensazioni tributarie, così sottraendo all’Erario le imposte dovute. Nel gruppo di vertice dell’organizzazione criminale vi sono due casertani, residenti ad Aversa ed Orta di Atella.

L'organizzazione si è dimostrata capace di falsificare documenti di qualsiasi genere, dichiarazioni fiscali, fatture, timbri e sigilli di Stato, brevetti, perizie giurate, asseverazioni, il tutto per creare la documentazione necessaria a far apparire, fittiziamente, la veridicità degli ingenti crediti Iva commercializzati e così alimentare il mercato fraudolento degli stessi. In ordine alla individuazione delle società utilizzate per la realizzazione delle frodi fiscali in disamina, gli esiti delle perquisizioni, attuate a Napoli ed a Milano, hanno consentito di individuare la predisposizione di Foi e la dichiarazione di fittizie cessioni interne agli stati membri dell'Unione europea. All'acquisto di forniture certificate dalle false fatture corrispondono paritetiche operazioni attive relative a fittizie cessioni con persone giuridiche appartenenti a Stati membri dell'Unione Europea, dunque operazioni economiche non soggette all'imposta sul valore aggiunto.

E' stata scoperta anche la predisposizione di operazioni passive fittizie e di operazioni attive in regime di non imponibilità con l’inserimento nelle dichiarazioni Iva delle società asservite all'organizzazione criminale, per un verso, di operazioni passive imponibili Iva inesistenti e, per altro verso, di corrispettive operazioni attive non imponibili Iva, ovvero escluse ai sensi degli articoli regolanti la territorialità, oppure soggette a particolari regimi Iva, quali le cessioni non soggette ad imposta in tema di territorialità e quelle in regime di Reverse Charge.

E ancora, è stata individuata la predisposizione di brevetti inesistenti e di false asseverazioni giurate relative ad acquisti di "beni ammortizzabili" per diversi milioni di euro formalmente sostenute per l'acquisto di (falsi) brevetti dal momento che, da un lato, costituiscono il prodotto dell'ingegno di persone fisiche e giuridiche risultate soggettivamente e oggettivamente prive di adeguate competenze tecniche e professionali e, dall’altro, risultano oggetto di plurime cessioni a più società e di diverse valutazioni dì stima da parte del medesimo professionista. L’indagine si è estesa su tutto il territorio nazionale ed ha consentito di far luce sull’operatività di un’associazione per delinquere i cui principali membri erano coadiuvati nell’esecuzione degli illeciti da professionisti compiacenti, commercialisti, revisori contabili, ragionieri, consulenti del lavoro ed ingegneri.

Sono state inoltre avviate verifiche fiscali nei confronti delle principali società coinvolte negli illeciti che hanno permesso di confermare le ipotesi di reato e di rilevare, allo stato, un’evasione: all’Iva per oltre 40 milioni di euro scaturita dalla creazione di falsi crediti Iva, dall’emissione di fatture per operazioni inesistenti e dalla presentazione di dichiarazioni fraudolente mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti; alle imposte sui redditi e all’Irap a seguito della constatazione di oltre 42 milioni di ricavi non dichiarati e costi indebitamente dedotti.

Sulla base dei numerosi elementi raccolti dalla polizia economico finanziaria, il Gip di Napoli ha emesso il decreto di sequestro preventivo per equivalente di denaro e beni, fino alla concorrenza dell’importo della frode, che ha interessato 39 persone fisiche e 30 società, risultate intestatarie di circa 640 conti correnti, in relazione ai quali sono in corso le operazioni di sequestro dei saldi attivi; sono stati allo stato sequestrati 52 immobili ubicati in diverse regioni d’Italia e 25 automobili. In totale risultano indagate 65 persone, a vario titolo, di numerosi reati tributari, emersi nel corso delle indagini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro da 52 milioni di euro

CasertaNews è in caricamento