rotate-mobile
Cronaca Marcianise

Truffa dei finti posti di lavoro: si aggrava posizione dell'avvocato. Spuntano altre denunce

Il professionista avrebbe percepito tra i 25 ed i 30mila euro per ciascun candidato. Le vittime ora chiedono il sequestro dei suoi beni

Si aggrava la posizione di D. T., avvocato 64enne di Marcianise, indagato per truffa aggravata ai danni di diversi ragazzi. Nuove denunce, infatti, sono al vaglio dell'autorità giudiziaria.

Il professionista, noto in città per la partecipazione del figlio ad un noto format televisivo, avrebbe promesso posti di lavoro in cambio di denaro. Somme tra i 25 e 30mila euro per ciascun aspirante. Una volta incassato il denaro, l'avvocato avrebbe fatto anche sottoporre i giovani ad una finta selezione.

Diversi i ragazzi che lo hanno denunciato chiedendo, attraverso gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo, il sequestro dei beni. Indagini sono in corso. 

Il 64enne di recente è stato anche condannato dal giudice Sellitto per truffa ai danni di una cliente. Dopo aver incassato i soldi per le spese non avrebbe mai avviato l'iter per ottenere un decreto ingiuntivo. Inoltre, avrebbe prospettato alla vittima di aver depositato in tribunale domanda di notifica di offerta reale, istanza che non sarebbe mai stata presentata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dei finti posti di lavoro: si aggrava posizione dell'avvocato. Spuntano altre denunce

CasertaNews è in caricamento