rotate-mobile
Cronaca Marcianise

Truffe alle assicurazioni con i falsi incidenti: 10 davanti al giudice, coinvolti medici e avvocati

Fissata l'udienza preliminare. Certificati falsi e finti testimoni per incassare gli indennizzi

Fissata l'udienza preliminare a carico di 10 persone coinvolte in una maxi inchiesta sulle truffe alle assicurazioni, tra cui 3 medici e due avvocati. 

Dovranno presentarsi dinanzi al gup del tribunale di Napoli, per l'udienza fissata al prossimo 20 giugno: Umberto Laurenzo, 67enne di Curti in servizio al pronto soccorso dell'ospedale di Marcianise all'epoca dei fatti; Rosita Capone, 48enne medico del pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Di Dio di Frattamaggiore; Emanuele Minelli, 66 anni medico in servizio al pronto soccorso dell'ospedale di Frattamaggiore; gli avvocati Gennaro Castelli, 51enne di Napoli, ed Enrico Mastantuono, 45enne di Minturno. Udienza preliminare anche per Giuseppe Infimo, 70enne di Napoli; Camillo Meola, 41enne di Sant'Antimo; Gianluca Niro, 28enne di Napoli; Giovanni Toscano, 68enne di Melito; Carmela Buommino, 48enne di Napoli. 

Secondo l'accusa, avrebbero fatto parte di un'associazione finalizzata a truffare le assicurazioni con falsi incidenti al cui vertice c'era un elemento ritenuto vicino al clan Puca. I medici in servizio negli ospedali di Frattamaggiore e Marcianise avrebbero rilasciato certificati falsi, attestanti lesioni per incidenti stradali mai avvenuti. Gli avvocati coinvolti, invece, avrebbero non solo predisposto gli atti per ottenere i risarcimenti ma anche individuato falsi testimoni per i processi. Almeno 22 le truffe finite nel mirino degli inquirenti. 

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Luigi Marrandino, Luca Viggiano, Sabato Graziano, Alfonso Quarto, Claudio Parisi, Alessio Ruoppo, Dario Gagliano, Isidoro Niola, Massimo Montanaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe alle assicurazioni con i falsi incidenti: 10 davanti al giudice, coinvolti medici e avvocati

CasertaNews è in caricamento