Frecciarossa fermo per un guasto, 3 ore al gelo per i passeggeri bloccati | FOTO

Il problema tecnico alla linea elettrica di alimentazione

Sono arrivate anche le segnalazioni alle forze dell’ordine per l’incredibile caos scoppiato su un treno Alta Velocità fermo da circa un’ora a Mignano Monte Lungo, diretto a Napoli. Il convoglio, pieno di passeggeri diretti nel Capoluogo campano, sta subendo come altri treni dei forti ritardi per un inconveniente tecnico alla linea elettrica di alimentazione dei treni.

A bordo l’aria condizionata non funziona per l'assenza di corrente elettrica, e tra le temperature in picchiata e il calare del sole a bordo del Frecciarossa molti clienti sono andati su tutte le furie per il freddo che si avverte nei vagoni. Il problema sulla linea Alta Velocità tra Roma e Napoli è stato segnalato poco prima delle 16, al lavoro ci sono i tecnici di RFI per la risoluzione del guasto ma la situazione sembra essere già sfuggita al controllo.

AGGIORNAMENTO ORE 19. Da pochi minuti il Frecciarossa è trainato da una motrice che lo sta spostando, dopo circa 3 ore, dalla zona in cui è rimasto fermo verso le 16 per il guasto che ha colpito la linea elettrica di alimentazione dei treni. Per ore i passeggeri hanno dovuto fare i conti con l'assenza dell'aria condizionata e quindi dei riscaldamenti, rimanendo al freddo all'interno dei vagoni. I treni, come comunicato da Trenitalia, vengono deviati sulla linea Roma-Napoli via Cassino e via Formia con allungamenti dei tempi di viaggio fino a 90 minuti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Scontri prima della partita, è caccia agli aggressori dopo gli scontri

Torna su
CasertaNews è in caricamento