rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Torture in carcere, la Procura chiede nuovo arresto per 45

L'udienza sul ricorso contro le decisioni del gip Enea si terrà il 26 novembre davanti al Tribunale del Riesame di Napoli

Si terrà il 26 novembre prossimo, davanti al Tribunale del Riesame di Napoli, l'udienza sul ricorso presentato dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere contro le decisioni adottate dal gip sammaritano Sergio Enea in relazione all'indagine sulle torture commesse dagli agenti della polizia penitenziaria ai danni dei detenuti avvenute il 6 aprile 2020 nel carcere “Francesco Uccella”.

Il procuratore aggiunto Alessandro Milita e i sostituti procuratori Daniela Pannone e Alessandra Pinto hanno presentato un ricorso per quarantacinque indagati per i quali il gip aveva escluso alcuni capi di imputazione e aggravanti rigettando la relativa richiesta di misura cautelare o concedendo una misura diversa e meno afflittiva da quella proposta dagli inquirenti, in particolare in relazione alla morte del detenuto algerino Lakimi Hamine, classificata dal giudice come suicidio e che invece ora i pm hanno inquadrato nel reato di omicidio colposo (inizialmente si ipotizzò il reato di morte come conseguenza di altro reato).

Per 15 indagati la Procura ha così chiesto il carcere, per 30 i domiciliari. Il gip il 28 giugno scorso, emise 52 misure cautelari nei confronti di agenti penitenziari e funzionari del Dap su un totale di 120 indagati: otto finirono in carcere, altri 18 indagati ai domiciliari, tre all'obbligo di dimora e 23 furono stati sospesi dal servizio. Il prossimo 15 dicembre il giudice è chiamato a pronunciarsi sulle richieste di rinvio a giudizio formulate nei confronti di 108 indagati, tra agenti e funzionari dell'amministrazione penitenziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torture in carcere, la Procura chiede nuovo arresto per 45

CasertaNews è in caricamento