menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'orrore al carcere di Santa Maria Capua Vetere

L'orrore al carcere di Santa Maria Capua Vetere

Torture in carcere, l'allarme dei detenuti al telefono: "Picchiati a turno senza motivo"

La registrazione della telefonata agli atti degli inquirenti: "Ci dicono che tanto dobbiamo morire tutti"

Botte, senza motivo ed a turno. E' quanto hanno raccontato i detenuti del reparto Nilo del carcere di Santa Maria Capua Vetere ai loro familiari durante alcuni colloqui telefonici. Colloqui in cui hanno rivelato l'orrore delle torture in cella avvenute il 6 aprile scorso e di cui si è occupata anche la trasmissione televisiva Report.

Botte inferte "a tutti quanti, non a chi si e a chi no, a tutti quanti, tutti i giorni", racconta il detenuto. Pestaggi "a turno", "una volta ad uno, una volta ad un altro", prosegue. Secondo il racconto del recluso "vengono cento di questi, duecento, trecento, quattrocento. Non si capisce. Una sera erano in trecento, trecento hai capito? Loro dicono che eravamo tutti quanti all'aria ma quando mai. Ti acchiappano così e ti incastrano in tre, quattro e questo fanno. Questo gli piace. Ci hanno detto 'tanto dobbiamo morire tutti quanti, ormai a questo punto'". 

Violenze che, secondo quanto ha riferito il detenuto ai familiari, sarebbero immotivate: "qui stanno prendendo gli schiaffi solo perché stiamo seduti sugli sgabelli". Addirittura di due ragazzi, in quei giorni concitati, si sarebbero anche perse le tracce: "dice che ci sono i familiari che stanno cercando e non li trovano. Dovrebbero stare lì dentro (in infermieria nda) ma non lo sappiamo. Ci sono gente che gli sono saltati i denti di bocca. Sono rotti in mano, li hanno rotti in testa, in tutte le parti". Ma anche "capelli e barbe tagliate". 

Alle violenze si sarebbero aggiunti comportamenti disumani come il digiuno forzato (da mangiare "niente niente") o lo stop delle videochiamate, con i colloqui in presenza sospesi per la pandemia. "Secondo te perché le hanno bloccate?", paventando l'ipotesi di una sospensione per impedire che i parenti vedessero i segni dei pestaggi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Attrice casertana sbarca in Rai col 'Commissario Ricciardi' | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento