rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca San Cipriano d'Aversa

Terreno confiscato alla moglie dell'imprenditore: colpo di spugna in Appello

Il bene acquistato con i soldi di un'eredità e non riconducibile al marito 'colletto bianco' dei Casalesi

Revoca della 'confisca allargata' in favore di Filomena Pagano, moglie dell'imprenditore del calcestruzzo Tullio Iorio originario di San Cipriano d'Aversa coinvolto nella maxi inchiesta denominata 'The Untouchable' che vide alla sbarra ben 51 imprenditori ritenuti espressione economica della camorra casalese con propaggini in molte regioni d'Italia tra cui Lazio, Abruzzo e Toscana.

I colletti bianchi vennero accusati di intestazione fittizia di beni, riciclaggio e associazione a delinquere di tipo mafioso. La maxi inchiesta portò all'arresto dei 51 imprenditori in odor di camorra ed al sequestro di tutti i loro beni per un ammontare di svariati milioni di euro. La Quinta Sezione della Corte di Appello di Napoli - presieduta dal giudice Andrea Rovida con giudici a latere Pia Dianii e Maria Delia Gaudino - accogliendo l'incidente di esecuzione richiesto dall'avvocato Ferdinando Letizia ha disposto il dissequestro del terreno sito a Villa di Briano, località San Pietro, oggetto della confisca allargata a seguito della condanna a 4 anni di reclusione per il reato di riciclaggio ed interposizione fittizia di beni nei confronti dell'imprenditore Tullio Iorio.

Nell'incidente di esecuzione è stato evidenziata la titolarità del terreno in capo a Filomena Pagano, figura terza ed estranea agli addebiti contestati al congiunto. La confisca del terreno secondo l'accusa avvenne poiché si ritenne che il denaro investito da Filomena Pagano per l'acquisto del bene fosse in realtà riferibile all'imprenditore colluso con la camorra casalese e quindi ritenuto frutto di provento illecito. La difesa ha evidenziato che Filomena Pagano aveva acquistato il terreno nel 2006 anno successivo alle contestazioni riferite al coniuge con disponibilità economiche possedute per via di una eredità. Dimostrato l'acquisto con proprie risorse i magistrati partenopei hanno disposto la revoca della confisca del terreno ordinando la restituzione agli aventi diritto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terreno confiscato alla moglie dell'imprenditore: colpo di spugna in Appello

CasertaNews è in caricamento