Terra dei fuochi, blitz dell'esercito nel casertano

Sequestrate tre aziende e denunciate 8 persone. Multe per 170mila euro

Tre aziende sequestrate e 8 persone denunciate. Sono questi i numeri di un'operazione di controllo straordinario del territorio svolta nei comuni di Marcianise, Acerra, Castello di Cisterna, Ercolano, Palma Campania, Quarto e Villaricca.

Il blitz ha visto in campo 19 equipaggi, per un totale di 51 unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, Compagnia Carabinieri di Castello di Cisterna, Carabinieri forestale, Compagnia Guardia di Finanza di Casalnuovo,  Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, Polizia metropolitana, Polizia locale dei comuni interessati, nonché personale dell’Arpac.

Tra le aziende controllate c’è la Mondialplast di Acerra specializzata nella lavorazione di utensili domestici: al blitz, avvenuto in località Pantano, a due passi dall’inceneritore e dal confine con Maddaloni e Valle suessolana, hanno partecipato anche gli agenti del locale comando di polizia municipale.

Complessivamente sono state controllate 7 attività commerciali e imprenditoriali operanti nei settori tessile, chimico, agricolo, materie plastiche, trasporti: tre sono state sequestrate. Controllate 79 persone (di cui 8 denunciate all’autorità giudiziaria e 7 sanzionate) e 28 veicoli (2 sono stati sequestrati per trasporto illecito di rifiuti). Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 170.000 euro.
 
In particolare, nel comune di Acerra, durante le attività di pattugliamento condotte dall’Esercito Italiano è stata individuata un’azienda di circa 2000 mq dove si effettuava la lavorazione di materiale plastico. All’esito dei controlli congiunti, l’azienda è stata sequestrata per gestione illecita di rifiuti, scarico di sostanze nocive in pozzo artesiano non censito, furto di energia elettrica, assenza di autorizzazione per lo svolgimento dell’attività e presenza di lavoratori irregolari. I proprietari sono stati denunciati. Sempre nel comune di Acerra, un’area di circa 3000 mq all’interno di un’azienda avicola di grosse dimensioni (estesa su un terreno di circa 26.000 mq) è stata sequestrata per la presenza di 400 mc  di rifiuti speciali in gran parte provenienti da opere di costruzione e demolizione; sono stati sequestrati anche due automezzi e  denunciate quattro persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Castello di Cisterna, è stata sequestrata per abbandono e gestione illecita dei rifiuti un’ area di 1000 mq dove operava un’azienda di traslochi. Il proprietario è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

Torna su
CasertaNews è in caricamento