Poliziotti salvano uomo che stava per morire da balcone

Tempestivo l'intervento delle forze dell'ordine, l'uomo tra le lacrime ha spiegato il gesto: "Non sopportavo più il dolore per la perdita dei miei genitori"

Una corda. Un'estremità legata all'inferriata di un balcone e l'altra avvolta intorno al collo di uomo disperato. Un passo incerto sulla balaustra ed il corpo a mezz'aria, sospeso bloccato da due braccia per evitare il peggio. E' stata questa la sequenza degli attimi di panico che si sono verificati in via Nazionale Appia nel Comune di Casapulla. Un uomo di 50 anni ha cercato di impiccarsi lanciandosi dal balcone di casa sua con un cappio al collo sotto gli occhi sgomenti di alcuni passanti.

Il tentativo di suicidio è stato sventato da due agenti della volante del commissariato di Santa Maria Capua Vetere allertati dai passanti. I due agenti sono riusciti a raggiungere il primo piano rialzato dell'abitazione dell'uomo riuscendo a bloccarlo appena in tempo. Si trovava a pensoloni nel vuoto il 50enne mentre un agente con grande fatica lo tratteneva per il busto ed insieme all'altro collega cercavano di togliergli la corda dal collo riportandolo in salvo all'interno del balcone.

Un salvataggio in extremis che ha evitato che la vita del 50enne si spezzasse per sempre. Mentre il personale del 118 cercava di prestare il primo soccorso, in un pianto disperato l'uomo ha spiegato i motivi del suo gesto: un profondo senso di solitudine acuito dalla perdita recente dei genitori era diventata insopportabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • La Campania 'promossa' in zona arancione: riaprono i negozi per lo shopping di Natale

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento