Struttura sanitaria da costruire, il Tar ribalta la decisione del Comune

Il permesso richiesto dalla società Omega deve essere accolto

La decisione del Tar Campania mette con le spalle al muro il Comune

Uno scontro durato 4 anni tra una società ed il Comune di Aversa che alla fine ha visto quest'ultimo avere la peggio. La costruzione di una struttura sanitaria polivalente integrata da parte della Omega s.r.l. nell'immobile di sua proprietà in via Cirigliano doveva essere accettata dall'Ente, che invece, nel 2015, ha respinto la richiesta di permesso a costruire perchè "non conforme agli strumenti urbanistici vigenti". 

A stabilirlo è stata l'ottava sezione del Tar Campania che ha accolto il ricorso della società Omega e annullato il provvedimento del Comune di Aversa, condannandolo altresì al pagamento di 1.500 euro in favore della società. 

Alla base della decisione del Tar l'illogicità della decisione del Comune e la carenza di motivazione. In realtà, infatti, l'intervento richiesto dalla Omega non va assolutamente in contrasto con gli strumenti urbanistici vigenti in quanto insiste nella zona F1, nella quale sono ammesse esclusivamente strutture per attrezzature pubbliche e di uso pubblico di interesse territoriale (opere per l'istruzione universitaria superiore e, per attrezzature culturali e sociali, per le attrezzature sanitarie, per impianti di depurazione, le aree cimiteriali, per le attrezzature militari, e per i mercati generali e per il macello).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento