menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagliano piante per coltivare nocciole e olive: sequestri e denunce

Blitz della Forestale sul 'Tifata': nei guai i proprietari dei tre terreni

I militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Caserta, a seguito di richieste di intervento ricevute da parte di cittadini, si sono portati sul “Monte Tifata” a Casagiove, dove hanno accertato che, in una zona denominata “Montanina” non visibile dal basso, erano in corso estese operazioni di disboscamenti che stavano avvenendo abusivamente e contemporaneamente su diverse distinte proprietà private con l’ausilio di mezzi meccanici con l’eradicazione degli apparati radicali degli arbusti di specie di macchia mediterranea e di quelle delle alberature quercine ove presenti.

L’intervento dei militari ha determinato di doversi procedere in tre distinti sequestri preventivi di altrettante distinte aree alla località “Montanina” del Monte Tifata in comune di Casagiove: sigilli a 2 lotti di 85mila mq, ad un altro di 9400 mq. Le attività abusive erano finalizzate alla successiva piantagione e coltivazione di nocciole, olive, etc.

Le aree interessate da tali mutamenti di destinazione d’uso sono risultate peraltro ricadere in quelle percorse da un incendio boschivo verificatosi nell’estate dell’anno 2015 per cui, ai sensi dell’art. 10 della L. 353/2000, per un periodo di almeno 15 anni, esse non possono avere una destinazione diversa da quella preesistente.

Peraltro il Monte Tifata ricade nelle aree della cosiddetta Rete Natura 2000 ed è incluso nel Sito di Importanza Comunitaria “SIC IT8010016 - Monte Tifata”, introdotto dall’Unione Europa per la protezione e la conservazione degli habitat e delle specie animali e vegetali in quanto sono considerati di grande valore in quanto habitat naturali, in virtù di eccezionali esemplari di fauna e flora ospitati.

I tre conduttori dei tre fondi sottoposti a sequestro preventivo sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, per aver integrato diverse ipotesi di reato, quali: deturpamento, danneggiamento e distruzione di bellezze naturali ai danni del bene protetto paesaggisticamente “il bosco” e di area S.I.C., interventi peraltro eseguiti anche in violazione della legge quadro sugli incendi boschivi che vieta ogni mutamento di destinazione delle aree percorse dal fuoco per almeno quindici anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento