Stalking sull'ex fidanzatina: condanna "mini" per 21enne

Il giudice concede la sospensione della pena e revoca il divieto di avvicinamento

La ragazzina vittima di stalking

Era ossessionato. Non aveva accettato la fine di quella relazione giovanile ed ogni volta che la vedeva dare attenzioni a qualcun altro non riusciva a trattenere la rabbia che si trasformava in minacce ed insulti nei confronti della ex fidanzatina. Un amore malato che si è concluso con una condanna a 2 anni per un 21enne di Parete accusato di stalking nei confronti di una coetanea.

La sentenza è stata pronunciata dal gup Iagulli del tribunale di Napoli Nord. Il giudice accogliendo le tesi del difensore dell'imputato, l'avvocato Fabio Della Corte, ha concesso il beneficio della sospensione della pena revocando anche la misura, applicata lo scorso mese di settembre, del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima. 

I fatti si sono verificati la scorsa estate quando la vittima ha denunciato il ragazzo. Da quando la relazione tra i due era finita non lo aveva accettato ed aveva iniziato a mettere in atto le sue condotte persecutorie. Insulti, minacce, telefonate a tarda sera o appostamenti all'esterno di un bar dove la ragazza lavorava. "T'aggia appiccià", "t'aggia fa na paliat ca non te le scurdà chiù", alcune delle frasi proferite ma anche uno schiaffo al volto che aveva fatto traboccare il vaso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento