Denunciato per stalking dall'amica, assolto dopo 6 mesi ai domiciliari

Finisce l'incubo giudiziario per Pisaturo. Il giudice Dessi lo assolve

La sentenza

Prima l'arresto e pochi giorni in carcere, poi 6 mesi di detenzione ai domiciliari. Si è concluso con un'assoluzione il processo a carico di Elio Pisaturo, di Casanova di Carinola, accusato di stalking, danneggiamento ed introduzione di proprietà privata ai danni di una donna di Mondragone.

Il giudice Dessi del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha prosciolto l'imputato da tutte le accuse per le quali rischiava una condanna grave, con il pm che aveva invocato una pena di 2 anni ed 8 mesi. Decisiva la strategia difensiva elaborata dall'avvocato Angelo Librace che sia durante il processo sia nel corso della sua arringa, durata circa un'ora e mezza, ha smantellato punto per punto tutte le contestazioni mosse a carico del suo assistito.

Pisaturo venne arrestato nel maggio del 2019 in seguito ad una denuncia presentata da R.R., donna di Mondragone. Dopo l'arresto e 4 giorni in carcere e 6 mesi di detenzione ai domiciliari il giudice aveva sostituito la misura detentiva con quella del divieto di avvicinamento alla vittima che avrebbe presentato diverse denunce a carico di Pisaturo. In particolare la donna lamentava di essere molestata sia attraverso messaggi whatsapp (di fatto mai rinvenuti) sia con condotte di persona. Il giudice con l'assoluzione ha anche disposto la revoca del divieto di avvicinamento alla persona offesa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento