Cronaca

Spari fuori al bar, Riesame per il 21enne arrestato

Oggi l'udienza in tribunale: l'avvocato prova a ridimensionare l'accaduto

Gli spari dopo la lite nel locale

Ricorso al tribunale del Riesame di Napoli per Franco M., il 20enne di Casapesenna arrestato per la sparatoria avvenuta davanti al bar ‘Etoile’ di Aversa lo scorso 6 giugno. Il ragazzo è finito in carcere con l’accusa di tentato omicidio dopo che il colpo esploso dalla pistola ha colpito un altro giovane presente nel locale.

Oggi si è svolta l’udienza davanti all’ottava sezione (collegio F) del tribunale del Riesame di Napoli: il 20enne era rappresentato dall’avvocato Gennaro Caracciolo che ha provato a ridimensionare l’accaduto, sottolineando come il colpo sia partito verso il pavimento e che quindi non vi era in alcun modo l’intenzione di colpire gli altri avventori del locale né tantomeno provocarne la morte. I giudici si sono riservati di ufficializzare la decisione nelle prossime ore.

La vicenda della sparatoria destò molto scalpore ad Aversa, anche perché il luogo dove è avvenuto è tra i punti di maggior ritrovo dei ragazzi nella Movida. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri che hanno indagato sul caso la sera del 6 giugno all'interno del locale era nata una discussione tra il 21enne ed un ragazzo minorenne, di appena 17 anni. Dalle parole si passò ben presto ai fatti con un vero e proprio capannello di persone pronte a darsele di santa ragione, per l'uno e l'altro schieramento. Gli animi si accesero e il minorenne tirò fuori un coltello: a quel punto il 21enne di Casapesenna mostrava una pistola che aveva nella cintola. La rissa si spostò fuori al locale. L’amico 20enne del ragazzo di Casapesenna prese la pistola dell'amico e la puntò contro un altro ragazzo, intervenuto per sedare la lite. E qui parte il colpo con la pistola puntata verso il pavimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari fuori al bar, Riesame per il 21enne arrestato

CasertaNews è in caricamento