menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arma sequestrata dai carabinieri

L'arma sequestrata dai carabinieri

Spari dopo la lite con i vicini, finisce ai domiciliari

Il giudice ha convalidato l'arresto del 43enne e revocato la misura in carcere

E' stato scarcerato S.S., 43enne di San Cipriano d'Aversa, arrestato dai carabinieri sabato notte per detenzione abusiva di un fucile clandestino. 

Il gip Paone del tribunale di Napoli Nord, pur convalidando l'arresto, ha accolto l'istanza dei difensori, gli avvocati Antonietta Venosa e Paolo Caterino, e revocato la misura cautelare in carcere sostituendola con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari. 

I fatti si sono verificati sabato notte in via Vivaldi, a San Cipriano d'Aversa. L'uomo, in seguito ad una lite con il vicino, L.C., ex politico sanciprianese, e con suo fratello, ha imbracciato un fucile, brandendolo contro i due. Tempestivo l'intervento del fratello dell'ex politico che ha spostato la canna del fucile che puntava dritta verso il fratello direzionandola verso l'alto. Nel tentativo di disarmare S. S. sono stati esplosi due colpi.

I carabinieri sono intervenuti sul posto. Ricostruita la vicenda hanno raggiunto S. S. presso la propria abitazione rinvenendo, occultato su un terrazzo sopraelevato della casa, il fucile clandestino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Ultime di Oggi
  • Attualità

    L’allarme di De Luca sui vaccini: “Forniture dimezzate”

  • Cronaca

    Casalesi in Toscana, preso anche l'ultimo indagato: era in un 'B&b'

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento