rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca Gricignano di Aversa

Immigrato ferito, nuove indagini. "Denunciate più aggressioni" | IL VIDEO

Parlano i testimoni della notte di follia che sono andati in ospedale da Bobb

E’ ancora in coma farmacologico Bobb Alagiee, il 19enne del Gambia, ferito alla bocca con un colpo d'arma da fuoco venerdì scorso a Gricignano d'Aversa e ricoverato all'ospedale Cardarelli di Napoli. Oggi, altri ragazzi immigrati, come lui "ospiti" del Centro d'accoglienza La Vela, si sono riuniti insieme ad alcuni attivisti dell'Ex Opg occupato "Je so pazz", Insurgencia e della campagna "Lasciateci entrare". 

Gli immigrati hanno voluto raccontare ai nostri microfoni il racconto di quei tragici momenti in cui hanno dovuto soccorrere il loro amico sanguinante. Secondo gli avvocati che si stanno occupando della difesa di Bobb, dalle carte in possesso della Magistratura si evincerebbe che a Gricignano le aggressioni non fossero casi isolati e come i rifugiati fossero costretti a vivere ben oltre il limite della dignità. 

I legali rigettano l'ipotesi che i colpi di pistola siano partiti in seguito a un'aggressione che lo stesso Bobb avrebbe perpetrato nei confronti di uno dei soci della Cooperativa che lo accoglieva, Carmine Della Gatta, che poi avrebbe sparato. "Anche valutando l'ipotesi di una legittima difesa - spiega Antonella Marfella in rappresentanza del team legale - Bobb è stato sparato una seconda volta mentre era a terra, sarebbe un eccesso di difesa". Da chiarire come sia divampato l'incendio all'interno della struttura, elemento che da una prima ricostruzione rappresenterebbe la causa scatenante dello scontro tra Alagiee e Della Gatta. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrato ferito, nuove indagini. "Denunciate più aggressioni" | IL VIDEO

CasertaNews è in caricamento