Parla il fratello del sindaco: "Sono sconvolto. L'accento degli aggressori era inequivocabile”

Tre uomini incappucciati lo hanno aggredito e sparato contro la sua auto

Il luogo dell'aggressione e il finestrino dell'auto distrutto dal colpo di fucile

“E’ stato un chiaro atto intimidatorio da parte della camorra, l’accento di quelle persone era facilmente riconoscibile”. Non ha dubbi Luigi De Rosa, fratello del sindaco di Casapesenna Marcello, sulla natura dell’increscioso episodio del quale è stato, suo malgrado, protagonista. Il 47enne è stato immobilizzato in una strada rurale e poi picchiato da tre persone incappucciate che avrebbero detto “tuo fratello deve andarsene dal Comune”.

Un gesto di violenza inaudita oltre che fisica anche psicologica: il primo cittadino vive ormai sotto scorta e nei giorni scorsi c’era stato anche uno sfogo proprio del boss Michele Zagaria contro l’attuale capo dell’esecutivo ‘reo’ di aver “fatto abbattere la casa mio fratello e sequestrare l’abitazione di mia sorella”.

“Sicuramente si tratta della criminalità organizzata – chiude Luigi De Rosa – perché il modus operandi è tipico di questa gente. La mia famiglia, in questo momento, è sconvolta”. Stamattina l’uomo è stato soccorso da un’ambulanza ma non ha riportato gravi ferite, solamente tanta paura per un episodio che non dimenticherà per tutta la vita. Il sindaco Marcello De Rosa, visibilmente scosso da quanto successo e con le lacrime agli occhi, ha invece preferito non parlare lasciandosi andare solamente ad un “per adesso è meglio non dire niente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stradina di località Callitto oltre alle forze dell’ordine (Carabinieri e Polizia oltre che Municipale) tantissimi cittadini di Casapesenna che hanno voluto, immediatamente, dare la propria solidarietà alla famiglia De Rosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento