rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Mondragone

Sparato in una guerra tra bande, fermato l'aspirante killer

Era braccato dai carabinieri e si è consegnato: ha 23 anni

Dopo 24 ore di indagine serrate da parte dei carabinieri di Mondragone guidati dal capitano Luca Gino Iannotti, è finito in manette il ragazzo che ha sparato e ferito gravemente un bulgaro nei pressi dei Palazzi Cirio. 

Questo pomeriggio i carabinieri hanno proceduto al fermo del pregiudicato Alessandro Bonocore, 23 anni, residente a Mondragone. L’uomo è ritenuto responsabile del tentato omicidio di un cittadino bulgaro attinto da un colpo d’arma da fuoco al ventre, nei pressi dei palazzi Cirio a Mondragone nella serata di mercoledì. L'arrestato, a seguito delle pressanti indagini effettuate attraverso perquisizioni ed intercettazioni d’urgenza, si è consegnato ai carabinieri poco fa.

Il movente del gesto, secondo la ricostruzione dei testimoni e della vittima, ancora ricoverata in gravi condizioni presso la clinica Pineta Grande di Castelvolturno, è riconducibile a una faida sul controllo del traffico di sigarette di contrabbando tra Bonocore ed un'altra fazione, in corso accertamento, avvenuta proprio mercoledì presso i Palazzi Cirio, punto di riferimento per i traffici.

A seguito di una lite, quindi, l'arrestato avrebbe voluto sparato volontariamente al cittadino bulgaro, al solo scopo di dimostrare la propria forza intimidatrice. La pistola, arma del delitto, é stata rinvenuta dai carabinieri e sottoposta a sequestro. L'arma del delitto è stata rinvenuta dai carabinieri e sottoposta a sequestro. Alessandro Bonocore é stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparato in una guerra tra bande, fermato l'aspirante killer

CasertaNews è in caricamento