rotate-mobile
Cronaca Mondragone

TENTATO OMICIDIO Sparato in una guerra tra bande rivali

Proseguono le indagini sul ferimento di un uomo ai Palazzi Cirio

Una guerra tra bande rivali per traffici illeciti, legati al contrabbando di sigarette ma anche allo spaccio di droga. E' questa l'ipotesi investigativa per il ferimento di un cittadino bulgaro ai Palazzi Cirio a Mondragone.

Dal pomeriggio di ieri i carabinieri della locale compagnia, guidati dal capitano Iannotti, stanno cercando di ricostruire il tentato omicidio. Stando ai primi accertamenti almeno due persone, di nazionalità italiana, sono giunte nella zona. Ne è nata una lite con i rivali proprio per la leadership dei traffici illegali sul territorio in seguito alla quale sono stati esplosi colpi di pistola che hanno ferito lo straniero all'addome (le sue condizioni sono ancora gravi ed è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Pineta Grande di Castel Volturno).

La vittima, però, non risulta essere coinvolta in alcun tipo di attività illecita, anche se disoccupata. Non si esclude che il suo ferimento possa essere avvenuto per errore o come atto dimostrativo al clan opposto, per mostrare ai rivali lo scarso peso dato alla vita degli altri, anche di chi presumibilmente non c'entra nulla.

Esclusa in maniera categorica, infine, la possibile matrice razziale del gesto, con la zona dei Palazzi Cirio finita nel mirino di molti cittadini mondragonesi per il suo degrado. Le indagini proseguono.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

TENTATO OMICIDIO Sparato in una guerra tra bande rivali

CasertaNews è in caricamento