Spara all'amico sul campo di calcetto, condannato a 12 anni

Il tentato omicidio per gli insulti su una chat di whatsapp: il vero obiettivo era un altro

Gli spari per le offese in chat

Dodici anni di reclusione. Questa la sentenza pronunciata dal gup Saladino del tribunale di Napoli Nord nei confronti di Nello Petito, 49 anni di Casal di Principe, accusato del tentato omicidio di Pietro Della Corte, anche lui di Casal di Principe, avvenuto su un campo di calcetto.

Il giudice ha inflitto una pena leggermente più bassa rispetto alle pretese della Procura che aveva invocato 16 anni. Riconosciuta una provvisionale nei confronti della vittima, costituitasi parte civile con gli avvocati Mauro Iodice e Daniele Delle Femmine, di 5mila euro, con il risarcimento che verrà stabilito in sede civile. Petito è stato difeso dall'avvocato Carlo De Stavola. 

I fatti di cui al processo si sono verificati nel mese di settembre dell'anno scorso quando Petito, dopo essere stato insultato su una chat di whatsapp, si presentò sul campo da calcetto armato di una pistola calibro 7,65. Esplose dei colpi ferendo gravemente Della Corte. Il vero obiettivo dell'agguato, però, era P.M., 38 anni di Santa Maria Capua Vetere, che avrebbe pronunciato le frasi denigratorie sulla chat del calcetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento