rotate-mobile
Cronaca Marcianise

La droga dei clan nelle palazzine: invocate 7 condanne in Appello

La requisitoria del procuratore generale nel processo bis per lo spaccio nei complessi Unrra Casas

Sono sette le richieste di condanna formulate dal procuratore generale nel corso della sua requisitoria nel processo d'Appello sullo spaccio di droga nelle palazzine Unrra Casas di Marcianise che sarebbe avvenuto - è questa la tesi degli inquirenti - con il placet dei clan Belforte e Piccolo-Letizia. 

Il pg ha invocato 16 anni e 8 mesi per Giulio Ciano (in primo grado 16 anni e 10 mesi) mentre 2 anni sono stati richiesti per Francesco Martone in seguito a concordato in Appello (in primo grado erano stati inflitti 3 anni e 4 mesi). Chiesta la conferma della sentenza pronunciata in primo grado per Francesco De Matteis (16 anni e 4 mesi); Enrico Di Biase (1 anno e 2 mesi con pena sospesa); Raffaele Corvino (8 anni e 6 mesi); Simmaco Coppola (2 anni e 8 mesi); Carmine Zarrillo (1 anno con pena sospesa). Si torna in aula a gennaio per le discussioni dei difensori. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Nicola Musone e Nello Sgambato. 

Gli imputati sono stati coinvolti nell'inchiesta "Unrra Casas" che aveva svelato un accordo tra i Piccolo-Letizia ed i rivali del clan Belforte per il monopolio dello spaccio di sostanze stupefacenti tra Marcianise, Capodrise e Maddaloni. La maggioranza delle persone coinvolte nell'inchiesta è stata già giudicata con rito abbreviato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La droga dei clan nelle palazzine: invocate 7 condanne in Appello

CasertaNews è in caricamento