rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Spaccio di droga, l’Antimafia chiede l’arresto di 25 persone

Il gip aveva respinto l’istanza, il pm ha presentato ricorso al Riesame

La Procura antimafia di Napoli ha presentato ricorso al tribunale del Riesame partenopeo per chiedere l’arresto di 25 persone, accusate di associazione a delinquere finalizzata allo smercio di droga. 

L’arresto degli indagati, con la rete di spaccio che avrebbe avuto luogo tra Caserta, Maddaloni e San Felice a Cancello, era stato infatti rigettato dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Le misure cautelari, scrive ‘Cronache di Caserta’, erano state richieste nei confronti di Giovanni Cioffi, 40 anni di Maddaloni, Tiziana De Donato, 43 anni di Brusciano, Marco Iovino, 64 anni di Montesarchio, Luigi Romanelli, 68 anni di San Marco Evangelista, Masimo Migliore, 44 anni di San Felice a Cancello, Giuseppe Riccardo, 59 anni di Casaluce, Carmine Martiniello, 57 anni di Scisciano, Gennaro Morgillo, 31 anni di San Felice a Cancello, Bruno Piacente, 42 anni di Brusciano, Filomena Rocco, 40 anni di Seta Maria  a Vico, Raffaele Riccardo, 39 anni di Aversa, Giovanni Gargiulo, 40 anni di Napoli, Daniela Massa, 32 anni di Caivano, Carmine Valentino, 33 anni di Santa Maria a Vico, Pasquale Rovai, 41 anni di Giugliano, Giuseppe Sparaco, 39 anni di San Marco Evangelista, Immacolata Romanelli, 34 anni di San Marco Evangelista, Prospero Pezzolla, 39 anni di Matera, Antonio Nuzzo, 34 anni di Arienzo, Giuseppe Pascarella, 57 anni di San Marco Evangelista, Emilio Perreca, 40 anni di San Felice a Cancello, Antonio Leone, 39 anni di San Marco Evangelista, Vincenzo Maione, 38 anni di Cervino, Ionut Marius Dinu, 26 anni Marcianise, Alessandra Cortese, 50 anni di San Nicola la Strada. 

Per il pm della DDA Landolfi a capo dell’organizzazione ci sarebbe il 44enne di San Felice a Cancello Massimo Migliore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga, l’Antimafia chiede l’arresto di 25 persone

CasertaNews è in caricamento