Cocaina nel tombino della cantina, 33enne finisce in cella

Continuava a spacciare dagli arresti domiciliari. La polizia trova l'agendina con i nomi dei clienti

Il blitz della polizia

Continuava a spacciare, nonostante fosse agli arresti domiciliari. Per questo gli agenti della Squadra Mobile della polizia di Caserta hanno tratto in arresto Graziano Grillo, 33enne di Caserta, per  detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina.

Gli investigatori della Mobile, nell'ambito di un'attività info-investigativa sviluppata sul territorio, avevano appreso che Grillo, sebbene già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari perché responsabile di reati inerenti gli stupefacenti, stava continuando la sua illecita di vendita al dettaglio di tali sostanze, proprio presso l’abitazione ove era ristretto.

Così è scattato il blitz a cui hanno preso parte anche gli agenti della 'Sezione Falchi' e una pattuglia della Squadra Volante. I poliziotti, simulando un controllo agli arresti domiciliari, hanno fatto irruzione nell’immobile dove il 33enne viveva e, individuata la sua stanza, hanno effettuato una perquisizione domiciliare. Sono state rinvenute, nella accertata esclusiva disponibilità di Grillo, diverse buste di cellophane dalle quali risultavano mancanti ritagli circolari (tipici del confezionamento delle dosi di stupefacente), un’agenda con nomi e cifre, la somma contante di 840 euro in banconote di vario taglio nonché un mazzo di chiavi che il soggetto aveva tentato di occultare.

Quelle chiavi davano accesso a una cantina all’interno della quale, in particolare in un tombino, sono state successivamente rinvenute 20 dosi, ognuna singolarmente confezionata e termosaldata, ed un involucro grande, anch’esso termosaldato, per un peso complessivo di 112,07 grammi di cocaina.

Date le modalità di confezionamento, la relativa titolarità è stata attribuita senza ombra di dubbio a Grillo che perciò, dopo gli accertamenti di rito, è stato tratto in arresto e associato presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, in attesa del giudizio di convalida. Per i medesimi fatti, in ragione delle condotte attuate, sintomatiche della sua compartecipazione all’illecita attività, è stato deferito in stato di libertà D.T.B, suo coinquilino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento