Cronaca

Piazze di spaccio col placet del killer dei Belforte: chiesti due secoli per 19 imputati

Mano pesante del pm Luigi Landolfi che ha invocato pene tra i 3 ed i 20 anni. Per 4 richiesta di assoluzione

Il processo sullo spaccio di droga

Sono 19 le richieste di condanna e 4 quelle di assoluzione formulate dal pm della Dda Luigi Landolfi nel corso della sua requisitoria nel processo, con abbreviato, riguardante un'inchiesta sullo spaccio di droga tra San Nicola la Strada e San Marco Evangelista. 

Il pm ha invocato 9 anni per Crescenzo Barra, 35 anni di San Nicola la Strada; 12 anni per Giovanni Capuano, 36 anni di San Marco Evangelista; 12 anni per Paolo Crisci, 33 anni di Caserta; 3 anni per Abdelhafidh Dridi, detto Alfredo, tunisino di 57 anni residente a San Nicola la Strada; 10 anni per Pasquale Fusco, 39 anni di Quarto; 12 anni per Alessio Geniale, 30 anni di San Marco Evangelista; 3 anni per Mohammed Laagidi, detto Momo, 41 anni residente a San Nicola la Strada; 20 anni per Marco Luise, 46 anni di Secondigliano; 14 anni per Salvatore Marino, 45 anni di Secondigliano; 20 anni per Giuseppe Orefice, alias Peppe Acerra, 44 anni di San Nicola la Strada; 12 anni per Francesco Papaianni, 32 anni di San Nicola la Strada; 14 anni per Joseph Parisi, 31 anni di San Nicola la Strada; 9 anni per Vincenzo Principio, 22 anni di San Marco Evangelista; 12 anni per Antonio Scotto, 23 anni di Napoli;  8 anni per Shauni Solimando, 27 anni di San Nicola la Strada; 18 anni per Raffaele Solla, 44 anni di San Nicola la Strada; 3 anni per Giuseppe Sparaco, alias Mellone, 41 anni di San Nicola la Strada; 10 anni per Massimiliano Terlizzi, 45 anni di Napoli; 12 anni per Salvatore Terlizzi, 45 anni di Napoli.

Chiesta l'assoluzione, invece, per Luca e Marco Esposito, gemelli di Napoli; Pasquale Scotto, 55 anni di Napoli; e Raffaele Scotto, 29 anni di Napoli. Hanno scelto il processo con ordinario, invece, Domenico Amoroso, 53 anni di San Marco Evangelista; Fabio Ardissone, 28 anni di San Marco Evangelista; Jamal Draif, marocchino di 43 anni residente a San Marco Evangelista; Daniela Rendano, 37 anni di San Nicola la Strada; Immacolata Gargiulo, 41 anni di Melito; Vincenzo Guida, alias Aglitiello, 48 anni di San Marco Evangelista; Vincenzo Masella, alias 'o Topis, 38 anni di San Nicola la Strada; Francesco Massaro, alias 'Ciccio 'e quart' 49 anni di Capodrise. Il processo riprenderà a metà maggio quando prenderanno il via le arringhe dei difensori. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Nello Sgambato, Tommaso Giaquinto, Giuseppina Martini, Sara Della Morte, Francesco Liguori, Michele Di Fraia, Giuseppe Foglia, Giuseppe Bucci, Katia Simeone e Mario Mangazzo.

Secondo quanto ricostruito dalla Dda, Giuseppe Orefice, grazie anche al benestare del clan Belforte con il placet a mezzo lettera di Pasquale Aveta, killer del clan dei Mazzacane e suo compagno di scuola oggi pentito, era il promotore dell’associazione che operava su San Nicola La Strada provvedendo sia alla direzione sia all’organizzazione relativa all’approvvigionamento dello stupefacente. Al contempo si occupava di rifornire, a sua volta, Giovanni Capuano che gestiva la “piazza di spaccio” di piazza Cantone a San Marco Evangelista. Coloro che invece raccoglievano il denaro e quindi coordinavano l'attività di spaccio erano Marco Luise e Raffaele Solla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazze di spaccio col placet del killer dei Belforte: chiesti due secoli per 19 imputati

CasertaNews è in caricamento